Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Messina Denaro, cos’è successo a pochi metri dal carcere

Messina Denaro, cos’è successo a pochi metri dal carcere

matteo messina denaro opera laika

Matteo Messina Denaro opera Laika. La notizia dell’arresto di Matteo Messina Denaro continua a far rumore. Sono passati alcuni giorni, ma in televisione e sui giornali non si parla che di questo. Nel frattempo, inoltre, avvengono anche altri episodi, sempre legati al super latitante di Cosa Nostra. Proprio poche ore fa è stata riportata una notizia in merito ad un evento avvenuto a pochi metri dal carcere nel quale è rinchiuso Messina Denaro. (Continua…)

LEGGI ANCHE: Le cure esclusive per Matteo Messina Denaro: quanto ci costa il suo tumore

Matteo Messina Denaro, rimossa l’opera street art di Laika

Poco dopo l’arresto di Matteo Messina Denaro, a pochi metri dal carcere in località di Costarelle di Preturo, in provincia de L’Aquila, dove è rinchiuso in regime di carcere duro il super boss di Cosa Nostra, è apparso un’opera di street art dell’artista Laika. Il poster raffigurava Giuseppe Di Matteo, figlio del collaboratore di giustizia Santino, ucciso e sciolto nell’acido dalla Mafia l’11 gennaio del 1996. Di Matteo era ritratto in sello ad un cavallo con la scritta “La mafia fa schifo” (in inglese). L’opera sembrava “celebrare” la cattura del super latitante, nonché mandante dell’omicidio di Giuseppe Di Matteo. Poco dopo l’opera è stata rimossa e le ragioni sono ancora ignote. (Continua dopo la foto…)

LEGGI ANCHE: Matteo Messina Denaro, ecco cosa hanno trovato nel covo del boss

Le parole dell’artista

Dopo la realizzazione dell’opera di street art a pochi metri dal carcere dove si trova adesso Matteo Messina Denaro, l’artista Laika aveva raccontato: “Ho realizzato questo poster qualche giorno prima di leggere le parole di Santino, padre di Giuseppe, che dichiarava ‘la vittoria’ del figlio, perché con l’arresto di Messina Denaro tutti gli uomini di quell’efferato delitto che all’epoca sconvolse il paese intero, sono finalmente in carcere”.

La street artist, la cui identità non è stata resa pubblica, ha poi aggiunto: “Non c’è perdono per persone come Matteo Messina Denaro e per tutto il sistema di cui fa parte. La mafia è un cancro da estirpare, la mafia è nelle istituzioni, nelle azioni, nella mentalità, nella cultura di certa gente. La Mafia va combattuta quotidianamente denunciando, senza paura”.

Laika ha poi rivolto un pensiero anche a Matteo Messina Denaro: “Auguro di vivere più giorni possibile nelle sue condizioni, sapendo adesso, che proprio fuori dalla sua ‘gabbia’, c’è raffigurata una delle sue vittime che esulta per la sua cattura. Dedico quest’opera a Giuseppe ma anche a Nadia Nencioni, a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. A tutte le vittime di mafia“.

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure