Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » “Belve”, Donatella Rettore scontro con Francesca Fagnani: cos’è successo

“Belve”, Donatella Rettore scontro con Francesca Fagnani: cos’è successo

Questa sera su Rai 2 andrà in onda una nuova puntata di Belve, il programma condotto da Francesca Fagnani e che racconta le storie di donne che hanno saputo conquistare i propri spazi nonostante le avversità e la strenua opposizione offerta dal maschilismo della società. Tra gli ospiti di Belve ci sarà anche Donatella Rettore. Stando alle prime anticipazioni, la nota cantante italiana avrebbe avuto un acceso scontro con la padrona di casa. Vediamo nel dettaglio che cos’è successo. (Continua a leggere dopo la foto)

“Belve”, Donatella Rettore scontro con Francesca Fagnani: cos’è successo

Questa sera, 8 Aprile 2022, torna Belve, il programma di Rai 2 condotto da Francesca Fagnani. Ormai si sa, quando si parla di Belve, lo scontro è assicurato. Stavolta nella bufera ci è finita Donatella Rettore. Una chiacchierata irriverente e piccante senza filtri che Davide Maggio ha svelato in anteprima. Lo scontro tra Donatella Rettore e la padrona di casa si sarebbe acceso quando la padrona di casa avrebbe tirato fuori una celebre vecchia controversa dichiarazione della cantante: «Io piaccio ai gay non piaccio alle chec**e mentre Raffaella Carrà e Patty Pravo sono icone delle chec**e vintage».

La scintilla è scoppiata in maniera definitiva quando la giornalista ha chiesto alla Rettore se prova imbarazzo per quanto dichiarato. L’artista ha risposto: «No, non sono assolutamente imbarazzata, per me esistono i gay e le chec**e, esistono i gay che sanno di avere le pa**e, e ci sono gli isterici che parlano e si strappano i capelli, fanno i pettegolezzi e quelli non li voglio nemmeno sulla soglia di casa». Poi la padrona di casa ha gettato benzina sul fuoco facendo esplodere Donatella. (Continua dopo la foto)

Una serata piena di “scintille”

La Fagnani ha poi gettato benzina sul fuoco, ricordando a Donatella Rettore di altre sue vecchie esternazioni che oggi susciterebbero molto scalpore. Ma Donatella tutto questo “politicamente corretto” non lo sopporta proprio: «C’è una limitazione alla libertà, si mettono dei filtri a cose che sono state ampiamente superate, ad esempio il fatto che non si possa dire fr*cio e t*oia». Esternazioni che hanno messo in difficoltà la giornalista che le ha chiesto: «Ma qual è la libertà nel dire certe parole?». La cantante ha risposto: «Adesso Vasco Rossi non potrebbe più dire è andata con il ne*o la tr**a. Io rivendico la possibilità di usare fro**o e ne*o, non mi sembrano insulti se uno è colorato…dipende dal modo in cui uno lo dice, se tu dici brutto ne*o è una cosa, se tu dici ne*o è un’altra».

“Belve”, Paola Barale rivelazione sconvolgente sulla sua carriera: gelo in studio

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor