Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Alessandra De Stefano in lutto, il commovente ricordo in diretta tv

Alessandra De Stefano in lutto, il commovente ricordo in diretta tv

News Tv. Alessandra De Stefano ha voluto ricordare Davide Rebellin, morto tragicamente ieri. La conduttrice, oggi direttrice di Rai Sport, ha voluto aprire la puntata de Il circolo dei mondiali, con un messaggio per l’amico scomparsa. Davide era un famoso ciclista e la sua morte è avvenuta in circostanze tremende.

Davide Rebellin è morto ieri, il ricordo di Alessandra De Stefano
Davide Rebellin è morto ieri, il ricordo di Alessandra De Stefano in diretta tv

Davide Rebellin è morto ieri, il ricordo di Alessandra De Stefano in diretta tv

Alessandra De Stefano ha voluto ricordare l’ex ciclista morto nelle scorse ore. “Prima di parlare di calcio, voglio soltanto dire che oggi è morto Davide Rebellin. Un eterno ragazzo, 51 anni, 30 dei quali passati in bicicletta, 20 dei quali passati con me sulla strada, un ragazzo straordinario. Viveva per la bici ed è morto per la bici, ancora si muore in Italia in bici, non c’è una legge – poi l’appello -. Lo scorso anno sono morte 229 persone. Come per Michele Scarponi, questa è un’altra famiglia senza nome colpita. Io chiedo al governo di fare una legge”. 

Com’è morto Davide Rebellin? L’ex ciclista è stato investito da un camion durante una gita in bici, a Montebello Vicentino. Secondo una prima ricostruzione un camion prima di uscire da uno svincolo avrebbe travolto l’ex ciclista. L’autista del mezzo si è allontanato e non è chiaro se si sia accorto di quanto successo. Una morte tragica per un uomo che ha dedicato trent’anni ad una carriera su due ruote. Davide se n’è andato all’età di 51 anni.

LEGGI ANCHE: Pelé di nuovo in ospedale: come sta la leggenda del calcio

La legge di omicidio stradale

Il reato di omicidio stradale è regolato dagli articoli 589-bis e 589-ter del Codice penale, come spiega il sito sicurauto.it. L’ipotesi base prevede che “chiunque cagioni per colpa la morte di una persona con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale è punito con la reclusione da 2 a 7 anni”. Poi ci sono le aggravanti che fanno aumentare gli anni di reclusione.

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure