Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » “Fermati”: il retroscena choc su Filippo Turetta, Elena Cecchettin svela tutto

“Fermati”: il retroscena choc su Filippo Turetta, Elena Cecchettin svela tutto

SOCIAL. Elena Cecchettin, la sorella di Giulia Cecchettin, ha recentemente condiviso delle rivelazioni scioccanti su Filippo Turetta, l’ex fidanzato di Giulia e principale sospettato nel suo omicidio. Le sue parole gettano una nuova luce sui dettagli inquietanti della loro relazione e sul contesto culturale più ampio che circonda questi tragici eventi.

Leggi anche: Morte Giulia Cecchettin, la notizia sull’autopsia: cosa succederà ora

Parla la sorella di Giulia Cecchettin: Elena

Durante un’intervista televisiva, Elena Cecchettin ha descritto un episodio particolarmente allarmante tra Giulia e Filippo, che ha influenzato la decisione di Giulia di porre fine alla loro relazione. Secondo Elena, Filippo aveva chiesto a Giulia di rallentare i suoi esami universitari per potersi laureare insieme, un atto che Elena interpreta come un esempio di controllo e possessività. Questa rivelazione non solo sottolinea le dinamiche problematiche nella loro relazione, ma pone anche domande importanti sull’equilibrio di potere e controllo nelle relazioni sentimentali.+

Leggi anche: “Dritto e Rovescio”, la sorella di Giulia Cecchettin spiazza tutti su Filippo: “Non è un mostro”

Leggi anche: “Domenica In”, frase choc dell’ex magistrata sul femminicidio di Giulia Cecchettin: bufera sui social

“La cultura dello stupro è quell’insieme di azioni volte a limitare la libertà della donna, come controllare il telefono, essere possessivi o fare catcalling. Non tutti gli uomini mi viene detto, ed è vero, però sono sempre gli uomini che traggono beneficio da questo tipo di società patriarcale. Gli uomini devono essere i primi a richiamare i loro colleghi che controllano i telefoni delle proprie ragazze, che fanno catcalling, devono essere ostili ai comportamenti che possono sembrare banalità ma sono il preludio dei femminicidi”.

Leggi anche: Giulia Cecchettin, la sorella Elena risponde al ministro Salvini: “Violenza di Stato”

L’appello di Elena: educazione e prevenzione

Elena Cecchettin ha espresso forti opinioni sull’importanza di cambiare il paradigma culturale per prevenire la violenza contro le donne. Ha messo in luce la necessità di un’educazione sessuale e affettiva nelle scuole, il finanziamento dei centri antiviolenza, e un cambiamento attivo nell’atteggiamento degli uomini nei confronti delle donne. Il suo messaggio finale è stato un appello accorato alla società: anziché osservare un minuto di silenzio per Giulia, ha chiesto un’azione concreta per cambiare la cultura e impedire che tragedie simili si ripetano in futuro.

Leggi anche: Giulia Cecchettin, interviene Antonella Clerici e va su tutte le furie: cos’è successo

Poi la conclusione: “Il femminicidio è un omicidio di potere, è un omicidio di Stato, perché lo Stato non aiuta e non tutela noi donne. Bisogna prevedere allora un’educazione sessuale e affettiva nelle scuole per prevenire queste cose, bisogna finanziare i centri antiviolenza per far sì che siano davvero pronti ad aiutare le donne che ne hanno bisogno”, ha raccontato prima dell’appello finale: “E per Giulia, vi chiedo, non fate un minuto di silenzio, bruciate tutto”.

powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2023 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure