Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » “Striscia la Notizia”, servizio sulla carne di squalo: scoperta assurda

“Striscia la Notizia”, servizio sulla carne di squalo: scoperta assurda

striscia la notizia servizio carne di squalo

News Tv. “Striscia la Notiziaservizio carne di squalo. Nella puntata di ieri sera del tg satirico diretto da Antonio Ricci è stato mandato in onda l’inchiesta “Shark Preyed”, realizzata da Serena e Silvia. Il servizio è incentrato sulla carne di squalo, che, nonostante sia un animale a rischio estinzione, continua ad essere pescato e commercializzato. Durante il servizio, Serena e Silvia hanno fatto una scoperta veramente assurda. (Continua…)

LEGGI ANCHE: “Striscia la notizia”, Vanessa Incontrada al vetriolo su Berlusconi-La Russa: interviene Siani

“Striscia la Notizia”, il servizio sulla carne di squalo

Ieri sera è andata in onda una nuova puntata di “Striscia la Notizia”, tg satirico diretto da Antonio Ricci e attualmente condotto da Alessandro Siani e Vanessa Incontrada. Nel corso della puntata è stato mandato in onda un servizio realizzato da Serena e Silvia, consulenti scientifiche di 15 e 14 anni. L’inchiesta si intitola “Shark Preyed” ed è incentrata sul commercio della carne di squalo. Nonostante, infatti, lo squalo sia un animale a rischio estinzione, continua ad essere pescato e soprattutto commercializzato.

Serena e Silvia Mauri, consulenti scientifiche da circa due anni a “Striscia la Notizia”, all’interno del loro servizio hanno raccolto la testimonianza del documentarista Marco Spinelli. Quest’ultimo si è lasciato andare ad una confessione che ha lasciato tutti senza parole. Una scoperta assurda, che mai nessuno si sarebbe aspettato. (Continua dopo la foto…)

LEGGI ANCHE: “Striscia la notizia”, Tapiro d’oro a Totti: Staffelli lo gela con una battuta

Cosa arriva sulle nostre tavole

Durante il servizio sulla carne di squalo andato in onda a “Striscia la Notizia”, il documentarista Marco Spinelli si è lasciato andare ad una confessione sconcertante. “Se andiamo al ristorante e troviamo un trancio di verdesca o se andiamo al supermercato e compriamo un trancio di palombo noi in realtà stiamo mangiando squalo“, ha affermato. Il fratello, Andrea, è un biologo marino ed ha fatto l’esempio del “fish and chips”, consumatissimo soprattutto in Inghilterra: “È costituito da carne di squalo, prima si utilizzava un particolare tipo di merluzzo ora pescato sempre meno“.

I due fratelli hanno realizzato un’inchiesta-documentario sul commercio della carne di squalo intitolata “Squalo predato”. Marco e Andrea hanno inoltre messo in guardia i consumatori, affermando: “Si trova sotto nomi commerciali di diverso tipo, possono essere: palombo, verdesca, gattuccio, vitello di mare, smeriglio”.
Il servizio di Silvia e Serena ha lasciato tutti a bocca aperta. Pochi erano a conoscenza del fatto che la carne di squalo viene pescata, commercializzata e che addirittura arriva sulle nostre tavole. Siamo sicuri che da questo momento tutti faranno attenzione al pesce che comprano al supermercato.

CLICCA QUI PER VEDERE IL SERVIZIO INTEGRALE DI “STRISCIA LA NOTIZIA”

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure