Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Nuovo virus terrorizza l’Italia, accertato già il primo caso: i sintomi a cui fare attenzione

Nuovo virus terrorizza l’Italia, accertato già il primo caso: i sintomi a cui fare attenzione

Un nuovo virus terrorizza il nostro paese. È stato accertato il primo caso in Emilia Romagna. Dopo la pandemia di Covid-19 (ancora in corso), un nuovo virus potrebbe generare una nuova pandemia. Il timore aumenta dopo il primo caso riscontrato in Italia. In questo articolo vi sveliamo tutti i dettagli in merito al nuovo virus che circola in Italia. (Continua dopo la foto…)

Nuovo virus: “ci sono già 20 casi”. Il terrificante allarme dell’Oms scatena il panico

Nuovo virus in Italia

Dopo la pandemia di Covid-19, che ha causato migliaia e migliaia di morti in Italia, oltre ai danni all’economia del paese, un nuovo virus potrebbe diffondersi presto in Italia. In Emilia Romagna, infatti, è stato segnalato il primo caso di una particolare malattia. Essa proverrebbe dalle zanzare, che in estate trovano terreno fertile sulla pelle degli umani. Il nuovo virus che circola nel nostro paese sarebbe stato rinvenuto proprio in alcune zanzare catturare a Parma, Reggio Emilia, Ferrara, Piacenza e Modena. La regione tiene alta la guardia tramite la campagna di comunicazione avviata nei giorni scorsi. Il primo caso è stato riscontrato – come riporta “Il resto del Carlino” – in una persona di 75 anni, ricoverata in Neurologia all’ospedale civile di Baggiovara, in provincia di Modena. Tale caso ha fatto aumentare la preoccupazione nei cittadini locali. (Continua dopo la foto…)

Vaiolo delle scimmie, Massimo Galli espone una sua teoria sulla diffusione del virus

Cos’è il West Nile

Il nuovo virus che circola in Italia sarebbe il West Nile. Il primo caso sarebbe stato riscontrato in una persona di 75 anni, residente in Emilia Romagna e ricoverata in Neurologia all’ospedale civile di Baggiovara (Modena). Il West Nile è un virus endemico ed è diffuso soprattutto nella regione padana. La sua genesi si verifica tramite alcune specie di uccelli e delle nostre zanzare comuni, come Culex spp. L’uomo (ma anche i cavalli) viene infettato attraverso la puntura della zanzara. L’individuo infettato, però, non può trasmettere l’infezione ad altre persone. L’infezione non generi sintomi. In certi casi, però, si può sviluppare una malattia denominata “West Nile Disease”, che presenta sintomi simil-influenzali. Essi durano alcuni giorni. In situazioni rare e che riguardano persone fragili possono innescarsi forme gravi neurologiche, che portano al ricovero in ospedale. Tale scenario può condurre a danni permanenti o al decesso.

La raccomandazione ai cittadini locali è quella di proteggersi dalle punture, in particolare nelle ore notturne, ovvero quando la zanzara citata è maggiormente attiva. La difesa può avvenire tramite repellenti cutanei. Bisogna, inoltre, eliminare i possibili ristagni visto che alla Culex spp basta poca acqua per depositare le uova e dare vita alla riproduzione.

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004