Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Paolo Bonolis, il gesto “contro l’Ucraina”: commenti scatenati sul web

Paolo Bonolis, il gesto “contro l’Ucraina”: commenti scatenati sul web

Durante l’ultima puntata di “Avanti un altro”, i due conduttori, Luca Laurenti e Paolo Bonolis, hanno compiuto un gesto giudicato da molti inopportuno. Un gesto interpretato dai più come “contro un popolo che adesso sta soffrendo a causa di una guerra”. Sul web si sono scatenati immediatamente i commenti negativi. Cos’è successo?

Avanti un altro Paolo Bonolis

paolo bonolis

“Avanti un altro”, Paolo Bonolis gesto contro l’Ucraina: é polemica

Sta facendo molto discutere sui social l’ultima puntata di “Avanti un altro”, mandata in onda su Canale 5. In particolare il pubblico da casa non ha apprezzato un gesto compiuto dal conduttore Paolo Bonolis. Ad un certo punto dell’episodio Bonolis e Luca Laurenti hanno indossato il classico copricapo sovietico. Una scelta poco azzeccata visti gli eventi degli ultimi giorni. La Russia sta invadendo l’Ucraina e l’Europa teme che il conflitto possa diventare una terza guerra mondiale.

Perché la scelta di mandare in onda uno sketch del genere su Canale 5? In realtà lo show è stato registrato mesi fa, quando ancora non si sapeva nulla della guerra. Ciò non toglie che magari poteva essere fatto un lavoro di editing per evitare le polemiche, anche se potrebbe trattarsi di una semplice distrazione.

Il trash ad “Avanti un altro”

Al centro della vicenda la cosiddetta Regina del Web, uno dei personaggi del programma. A un certo punto è stata rivolta un’accusa pesante a Bonolis. “Lei che di base di mestiere offende le persone…”. Il conduttore non ha resistito e gliene ha dette quattro. L’ha fermata subito e l’ha cacciata dallo studio, dove la tensione è salita alle stelle. “Io non offendo nessuno, offendo me stesso quando la faccio lavorare qui”.

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure