Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Reazione a Catena”, nuova polemica sulle Polposition

News TV. Nella puntata di Reazione a Catena di sabato 15 giugno, le campionesse in carica, le Polposition, sono riuscite ad indovinare l’ultima parole e portarsi a casa il montepremi. Come ad ogni fine puntata, gli appassionati del game show di Rai 1 si ritrovano a commentare la serata e non sono mancate le polemiche, ma andiamo con ordine.

Leggi anche: Milo Infante, la notizia che fa felice la Rai: cosa succede

Leggi anche: Amadeus, non c’è due senza tre: un altro storico programma rinasce al Nove

Riassunto della puntata di Reazione a Catena

A sfidarsi nella puntata di sabato 15 giugno del game show preserale di Rai 1 sono le campionesse, le Polposition, tre ragazze di Brescia – ovvero Rita, Tecla e Cristina – contro gli sfidanti Frontmen, ovvero Federico, Pietro e Giuseppe che hanno autoironicamente scelto il nome del team perché “siamo tutti con fronti ampie“, ovvero stempiati e vengono da Milano. Come ad ogni puntata, è importante vincere nei primi giochi per racimolare il montepremi più alto, ma a decidere tutto è il penultimo ostacolo: il momento de L’intesa vincente. Si confermano veramente micidiali in questo gioco le campionesse, con Tecla velocissima a cogliere gli indizi delle due compagne che riesce ad trovare 14 termini. Per i Frontmen è invece Federico a mettersi alla prova per indovinare la parola giusta sulla base dei suggerimenti dei compagni. Ma ahimè, i ragazzi si fermano a sole 5 parole.

Ancora una volta le Poleposition si giovano la vittoria alla Catena Finale, che parte da un montepremi di 99mila euro. Dopo una catena non impossibile si arriva all’ultima parola con un premio in palio di 12375 euro. La prima parola è Titolo, quella da indovinare inizia con DI e finisce con O, e loro comprano il terzo termine, che è Autore.

Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva

Successiva
Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure