Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Non prelevare più questa cifra: scatta l’allarme. È bufera per la decisione in Italia

Non prelevare più questa cifra: scatta l’allarme. È bufera per la decisione in Italia

Manovre del Fisco sempre più stringenti in Italia. Dopo l’introduzione della doppia sanzione sui commercianti che si rifiutano di fornire pagamenti con il Pos elettronico, è in arrivo una stretta anche sul prelievo bancomat. Il Fisco, infatti, potrà monitorare in maniera assidua ed efficace conti correnti e carte di credito. Non era mai successo in precedenza. In questo articolo vi sveliamo ulteriori dettagli in merito a questa notizia. (Continua dopo la foto…)

La decisione del Fisco

Per lottare l’evasione fiscale, il Fisco sta attuando manovre sempre più stringenti. Dal 30 giugno verrà introdotta la doppia sanzione per i commercianti che si rifiutano di fornire pagamenti con il Pos elettronico. Dal 30 giugno, dunque, esercenti, professionisti e negozianti potranno andare incontro ad una multa di 30 euro, a cui sarà aggiunto il 4% del valore complessivo della transazione. Resta però il nodo controlli: non è stato ancora deciso, infatti, come il governo ed il Fisco intenderanno procedere con i controlli. Nel mirino dell’esecutivo anche il cosiddetto “pre-conto”, ovvero il saldo senza valore fiscale dei beni o della prestazione di servizio ricevuta che spesso rimane del tutto sconosciuto agl agenti del Fisco. È in arrivo, però, anche una stretta sul prelievo dal bancomat. Di seguito vi sveliamo tutti i dettagli. (Continua dopo la foto…)

Bancomat, in arrivo multe salate se non lo fai: la decisione ufficiale

Attenti a prelevare questa cifra

È in arrivo una stretta sul prelievo bancomat. Il Fisco vuole combattere l’evasione fiscale. Per questo motivo, come riporta “Liberoquotidiano”, se si prelevano oltre 10mila euro in un mese, anche se non nella stessa soluzione, il lavoratore preposto dovrà chiedere al cliente ragione di quello che vorrà fare con quella liquidità e in seguito contattare la direzione della banca. A questo punto sarà a discrezione della Uif (Unità di Informazione Finanziaria) decidere se procedere o meno con ulteriori controlli da parte del Fisco. Il limite per i pagamenti in contanti, invece, resta sempre di 2mila euro per tutto il 2022. Anche in questo senso, però, dal prossimo anno cambierà qualcosa. La cifra, infatti, si abbasserà da duemila a mille euro.

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor