Home » Marco Ferri, direttore di Fano Tv, conduce il Tg all’aperto: non ha il Green pass

Marco Ferri, direttore di Fano Tv, conduce il Tg all’aperto: non ha il Green pass

L’obbligo del Green pass, imposto dal Governo a partire dal 15 Ottobre 2021, per tutti i lavorati continua a far discutere. L’uso del certificato verde molto probabilmente si protrarrà almeno fino ad inizio 2022 e questa cosa non è accettata da tutti. Oltre alle manifestazioni contro il Green pass stanno giungendo in questi giorni anche altri tipi di provocazioni. Ad esempio, ieri sera 25 Ottobre 2021, Marco Ferri, direttore di Fano Tv, ha condotto la sua trasmissione all’aperto poiché sprovvisto di certificato. (Continua a leggere dopo la foto) 

Marco Ferri, direttore di Fano Tv, conduce il Tg all’aperto: “Non ho il Green pass”

Ieri sera25 Ottobre 2021, Marco Ferri, direttore di Fano Tv, canale visibile in tutta la regione Marche sul canale 17 del digitale terrestre, ha condotto l’edizione serale del telegiornale “Occhio alla notizia” dalla strada in diretta da Dogana di San Marino, a pochi metri dal confine italiano. Da lì ha letto le notizie e lanciato i servizi video. Il motivo della sua protesta sta nel fatto che Ferri non è in possesso del Green pass e per questo non può recarsi regolarmente al lavoro. Come riportato da Open, il direttore di Fano Tv non sarebbe nemmeno vaccinato. (Continua a leggere dopo la foto)

Marco Ferri

Nella stringa in basso trasmessa nel corso della rubrica mattutina di rassegna stampa, sospesa dal 15 ottobre 2021, si legge: «Questa rassegna va in onda senza contenuti a causa dell’obbligo del Green pass che impedisce al direttore Marco Ferri, non vaccinato per il Covid, di entrare negli studi di Fano Tv essendo insostenibile l’esecuzione dei tamponi ogni due giorni. Si tratta di una forzatura del governo che ostacola il lavoro e non ne aumenta la sicurezza, già garantita dal distanziamento interpersonale e dall’uso delle mascherine, un’imposizione che non trova riscontri nelle democrazie occidentali, tanto più ingiustificata per l’andamento della pandemia in Italia, mai come ora favorevole».

Tag: