Home » Non è l’Arena, Massimo Giletti contro Roberto Speranza: prima puntata con il botto

Non è l’Arena, Massimo Giletti contro Roberto Speranza: prima puntata con il botto

Non è l’Arena è un programma televisivo italiano in onda su LA7 e condotto da Massimo Giletti. Il noto conduttore, dopo aver firmato un nuovo contratto che lo lega a La7 per due anni, è pronto a tornare con la sua famosa trasmissione. La nuova edizione del format di approfondimento sui temi caldi dell’attualità prenderà il via oggi mercoledì 29 Settembre 2021 come sempre in prima serata. In un’intervista al Corriere della Sera, il giornalista ha rivelato quale sarà il primo argomento al centro del dibattito in studio. (Continua a leggere dopo la foto)

Non è l’Arena, Massimo Giletti contro Roberto Speranza: parte così la nuova stagione

Questa sera, 29 Settembre 2021, torna in prima sera su La7 una nuova stagione di Non è l’arena, condotta da Massino Giletti. Durante una lunga intervista al Corriere della Sera e ripresa da Libero, il giornalista ha rivelato quale sarà il primo argomento al centro del dibattito. Scontro assicurato tra Massimo Giletti e Roberto Speranza. Tirando due mascherine bianche Ffp2 fuori da una scatola rossa, Giletti ha detto: «Fanno parte di una delle forniture arrivate in Italia e in questa certificazione si afferma in modo chiaro che sono scarsamente protettive: dirò in quali ospedali vengono ancora utilizzate».

Poi con molta tranquillità, Massimo Giletti ha posto una domanda alla quale è in cerca di risposta: «Perché nessuno parla più dei 190 milioni di mascherine sequestrate dalla Guardia di Finanza?» Ad un certo punto il conduttore ha fatto anche un appello al Ministro Roberto Speranza: «Vorrei chiedere al ministro Speranza, cosa accade, da dove arrivano queste altre mascherine, ma non siamo mai riusciti a ottenere un’intervista con lui».

Una prima puntata scoppiettante

La prima puntata della nuova stagione 20021/22 di Non è l’Arena su La7 sarà decisamente scoppiettante. Massimo Giletti ha rilasciato qualche anticipazioni sui temi trattati in studio ai microfoni de Il Corriere della Sera. Il conduttore, come riportato da Libero, ha dichiarato: «Qualcuno deve spiegare per quale motivo una mascherina costava 1 euro e 5 centesimi, mentre invece c’è chi nelle Marche le pagava solo 45 centesimi l’una. Ospite in studio della prima puntata sarà proprio chi dalle Marche spiegherà come ha fatto». Infine, sulla sue eventuale discesa in politica ha ammesso: «Mi chiesero di candidarmi in Puglia, poi a Torino e anche come sindaco di Roma, ma questo la dice lunga sulla debolezza dei partiti, in cerca di ‘facce’».

Non è l’arena, tutte le novità della stagione 2021-2022