Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Pasqua 2022, brutta sorpresa: sta succedendo nei supermercati e ristoranti italiani

Pasqua 2022, brutta sorpresa: sta succedendo nei supermercati e ristoranti italiani

Si avvicina la Pasqua, ma è in arrivo una brutta notizia per gli italiani. A riferirlo è il Codacons, associazione senza fini di lucro nata nel 1986 in difesa dei consumatori e dell’ambiente, che ha messo in chiaro quanto la situazione sia un’inevitabile conseguenza della guerra tra Ucraina e Russia. In questo articolo vi spieghiamo cosa sta succedendo nei supermercati e nei ristoranti italiani. (Continua dopo la foto…)

Pasqua, dopo la pandemia arriva la guerra

Sarà un’altra Pasqua all’insegna della prudenza e soprattutto del timore. Gli anni precedenti le festività pasquali sono state segnate dalla pandemia di Covid-19. Gli italiani non hanno potuto festeggiare in famiglia perchè spesso chiusi in quarantena o in zona rossa. Festeggiare pasquetta organizzando gite fuori porta è diventato ormai un miraggio. Quest’anno si potrà, sempre mantenendo alta la prudenza perchè il virus è ancora in circolo, ma resta comunque il timore. Le conseguenze del conflitto russo-ucraino, infatti, colpiscono anche il nostro paese, in particolare le tasche degli italiani. Aumentato della benzina, aumento di luce e gas ed infine l’aumento delle materie prime. È in arrivo, infatti, un brutta sorpresa per gli italiani in vista di Pasqua e a riferirlo è il Codacons, associazione senza fini di lucro in difesa dei consumatori e dell’ambiente. (Continua dopo la foto…)

Guerra USA – Russia, il terribile annuncio arriva da Mosca: “così rischiamo conflitto”

La brutta sorpresa per gli italiani

Per Pasqua 2022 sono previsti oltre 100 milioni di euro in più fuori dalle tasche degli italiani. La notizia è stata riferita dal Codacons, che ha spiegato come questa sia una conseguenza diretta della guerra tra Russia e Ucraina. Già Coldiretti aveva messo in chiaro la situazione in un articolo pubblicato sul proprio sito ufficiale: “Il pericolo crescente per l’invasione russa dell’Ucraina fa volare le quotazioni internazionali di grano per il pane e mais per l’alimentazione animale che fanno registrare rispettivamente un balzo del 4,5% e del 5% in una sola settimana. Un’emergenza globale che riguarda direttamente l’Italia che è un Paese deficitario ed importa addirittura il 64% del proprio fabbisogno di grano per la produzione di pane e biscotti. Nel 2021 sono arrivati oltre 120 milioni di chili di grano dall’Ucraina e circa 100 milioni di chili di grano dalla Russia che peraltro ha già annunciato di limitare dal 15 febbraio al 30 giugno prossimo le proprie esportazioni di grano”.

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor