Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » “The Gilded Age”, tutto sulla serie in costume dall’ideatore di “Downton Abbey”

“The Gilded Age”, tutto sulla serie in costume dall’ideatore di “Downton Abbey”

“The Gilded Age”: la serie in costume di genere period drama ideata dal creatore di “Downton Abbey”, Julian Fellowes, è visibile su Sky Serie e Now. Questa produzione, Targata HBO, è ambientata in un’America collocata alla fine del XIX secolo, travolta dal boom economico. Ecco tutto ciò che c’è da sapere sulla trama, sul cast e sugli episodi. (Continua a leggere dopo la foto)

The Gilded Age

“The Gilded Age” è la serie in costume ideata dal creatore di “Downton Abbey”, Julian Fellowes, che è stata resa visibile on demand su Sky e in streaming su Now a partire da lunedì 21 marzo 2022. Si tratta di un period drama targato HBO già rinnovato per una seconda stagione, che si sviluppa in un totale di nove episodi che escono singolarmente ogni lunedì. Questa produzione è ambientata in un’America collocata alla fine del XIX secolo, travolta dal boom economico. Il periodo della Gilded Age, in italiano “L’età dorata”, nella storia statunitense, si colloca infatti in questo periodo storico, più precisamente dal 1870 al 1900 circa e si trova sotto le amministrazioni dei presidenti Ulysses S. Grant e William McKinley.

Per gli Stati Uniti questa simboleggia un’età di evidenti cambiamenti economici, che hanno portato ad un consistente divario tra antichi patrimoni e nuovi ricchi. I produttori della serie sono Fellowes stesso, Gareth Neame, David Crockett e Bob Greenblatt. Nelle vesti di produttori e direttori troviamo invece Michael Engler e Salli Richardson-Whitfield. “The Gilded Age” è una co-produzione HBO e Universal Television.

“The Gilded Age”: la trama

La serie è ambientata a New York City durante gli anni Ottanta del 1800. La storia, più precisamente, inizia nel 1882 e vede come protagonista Marian Brook. Quest’ultima è una giovane donna che ha perso il padre, un ex generale dell’esercito Sudista. In seguito al terribile evento lascia la Pennsylvania e si trasferisce nella grande metropoli. Ad accoglierla a casa loro sono le sue ricche, tradizionaliste e severe zie, Agnes van Rhijn e Ada Brook. E’ qui che Marian inizia un nuovo capitolo della sua vita lontana dalle sue origini. Non passerà però molto tempo prima che si ritrovi coinvolta in una fredda battaglia tra una delle sue zie, l’icona umana della tradizione, ed i suoi nuovi e ricchissimi vicini, i Russell.

L’apparentemente benestante famiglia è composta da George Russell, uno spietato magnate delle ferrovie dal carattere estremamente autoritario, dalla sua ambiziosa moglie Bertha e dal loro turbolento figlio Larry. L’obiettivo di questi ultimi è quello di farsi accettare dai clan degli Astor e dei Vanderbilt. In compagnia della sua cameriera misteriosa Peggy Scott, una donna di colore che ambisce a diventare una scrittrice, Marian verrà travolta dalla vita lussureggiante dei suoi nuovi vicini. ..Quest’ultima, seguirà gli schemi imposti dalla società o percorrerà una strada tutta sua cullata da un mondo ricco d’opportunità, in procinto di essere trasformato dall’era moderna?

“This Sceptred Isle”, cosa sappiamo della serie tv sul Covid con Kenneth Branagh nei panni di Boris Johnson

Il cast

Nel cast di “The Gilded Age” troviamo: Louisa Jacobson (in “Gone Hollywood”) nei panni della protagonista Marian Brook; Christine Baranski (in “The Good Wife” e “The Good Fight”) in quelli di Agnes Van Rhijn; Cynthia Nixon (in “Sex and the City”) nel ruolo di Ada Brook; Carrie Coon (Vera Walker nella seconda stagione di “The Sinner”, Nora Durst in The Leftovers” e Carrie Burgle nella terza stagione di Fargo”) prende il posto di Amanda Peet (in “Togetherness” e “The Good Wife”) in quello di Bertha Russell. Ancora, Morgan Spector (in “Pearson”, “Homeland” e “Orange is the new Black”) nelle vesti di George Russell, il marito di Bertha; Denée Benton (in “Hamilton”) in quelle di Peggy Scott;

Taissa Farmiga (in The Twilight Zone”) nei panni di Gladys Russell; Blake Ritson (in “Krypton”) in quelli di Oscar Van Rhijn; Simon Jones (in “The Hitchhiker’s Guide to the Galaxy”) nel ruolo di Bannister; Harry Richardson in quello di Larry Russell; Thomas Cocquerel nelle vesti di Tom Raikes; Jack Gilpin in quelle di Church. Ancora, Patrick Page (in “Hadestown”) nei panni di Richard Clay; Douglas Sills (in “The Scarlet Pimpernel”) in quelli di Monsieur BaudinAmy Forsyth (in “Beautiful Boy”) nel ruolo di Caroline “Carrie” Astor; Taylor Richardson (in “All Together Now”) in quello di Bridget; Kelley Curran (in “The Blacklist”) nelle vesti di Turner, l’ambiziosa cameriera di Bertha; Ben Ahlers (in “When the Street Lights Go On”) in quelle di Jack Treacher.

Ancora, Bill Irwin (in “Rachel Getting Married”) nei panni di Cornelius Eckhard; Audra McDonald (in “The Good Fight”) in quelli di Dorothy Scott; Kelli O’Hara (in “The King and I”) nel ruolo di Aurora Fane; Donna Murphy (in “Power”) in quello della socialita Mrs. Astor; Michael Cerveris (in “Mindhunter”) nelle vesti di Watson, il valletto di George Russell; Debra Monk Armstrong (in “Cat On A Hot Tin Roof”) in quelle della cameriera di Mrs. van Rhijn; Katie Finneran (in “Why Women Kill”) nei panni di Anne Morris; Celia Keenan-Bolger (in “To Kill A Mockinbird”) in quelli di Mrs. Bruce; Kristine Nielsen (in “Gary”) nel ruolo di Mrs. Bauer e John Douglas Thompson (in “King Lear”) in quello di Arthur Scott.

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure