Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Aurora, morta a soli 3 anni nell’incidente col papà ubriaco: il dolore dei parenti

Incidente Villabate

Tragedia a Villabate, in provincia di Palermo: Aurora, una bambina di 3 anni, è morta in seguito a un grave incidente stradale avvenuto in via Natta. È successo verso le 3:30 di domenica 7 luglio 2024. In auto c’era tutta la famiglia: il padre di Aurora alla guida, la madre, il fratello gemello della piccola e l’altro fratello 14enne. La famiglia stava viaggiando su una Volkswagen Polo che ha sbandato violentemente all’uscita di una curva. Il padre della piccola, Rosario Brusa, rischia un’incriminazione per omicidio stradale dopo ciò che hanno scoperto su di lui gli inquirenti. Le parole della zia di Aurora dopo la tragedia sono struggenti. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: “La moglie ha mentito”: Giacomo Bozzoli, dove si trova

Leggi anche: Meteo, pioggia e grandine come neve: allerta gialla in Italia

Incidente Villabate, Aurora è morta a soli 3 anni: il dolore della zia

Incidente a Villabate, auto si schianta contro un muro: morta una bambina di 3 anni

La famiglia stava tornando da una serata trascorsa in una pizzeria sul lungomare di Aspra. Sulla vettura guidata da Rosario Brusa viaggiavano la moglie, il gemello di Aurora e il fratello quattordicenne. L’uomo, un fabbro di 40 anni, ha fatto sapere di aver perso il controllo della sua Volkswagen Polo perché i freni avrebbero improvvisamente smesso di funzionare. Intorno alle 3 di notte si è schiantato contro un muro a Villabate. A rimetterci la vita è stata la piccola Aurora, che viaggiava in braccio alla madre. La bimba è stata portata in ospedale dai sanitari del 118 ma è morta appena raggiunta la struttura. Sono subito scattate le verifiche e i carabinieri hanno scoperto delle cose sul padre che non aiuteranno la sua posizione. (Continua dopo le foto)

Leggi anche: Trema ancora l’Italia, terremoto all’alba: la situazione

Leggi anche: Terremoto, fortissima scossa di magnitudo 5.1

Cosa hanno scoperto gli inquirenti sul padre

A quanto pare, la vettura sulla quale viaggiava la famiglia Brusa era priva di copertura assicurativa ed era guidata dal padre della bambina che non aveva la patente perché gli era stata ritirata. Inoltre, i carabinieri hanno constatato che l’uomo era sopra il limite di tasso alcolemico consentito. La versione di Rosario sarà verificata dalle indagini condotte dai carabinieri, che hanno interrogato marito e moglie e compiuto i rilievi, mentre la procura ha aperto un fascicolo. Ora Brusa rischia un’incriminazione per omicidio stradale. “Siamo davvero sconvolti per quanto successo. Una notizia che non vorremo mai ricevere. Esprimo il cordoglio della comunità. Quanto successo deve fare molto riflettere sui rischi che si corrono quando ci si mette alla guida”, ha detto il sindaco Gaetano Di Chiara. Anche Matteo Salvini si è espresso sulla tragedia. “Quanta irresponsabilità, quanta incoscienza. Non si può morire così”. Il ministro ha quindi rinnovato “l’appello al Parlamento affinché approvi definitivamente il nuovo Codice della strada: ognuno deve fare la propria parte per contrastare l’inaccettabile strage sulle strade italiane”. Intanto, la zia di Aurora ha condiviso il suo dolore per la tragedia.

Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva

Successiva
Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure