Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Tragedia col paracadute, Italia in lacrime: addio al parà Gianluca

Incidente paracadute

Social. È morto Gianluca: tragedia col paracadute, Italia in lacrime. La tragica storia che stiamo per raccontarvi arriva dalla Toscana ed è avvenuta nel tardo pomeriggio di ieri 13 Aprile 2023. Gianluca Spina, 49 anni, si era appena lanciato per un addestramento nel territorio di Altopascio quando è avvenuto l’incidente che gli è costato la vita. Ora la procura di Pisa ha aperto un fascicolo di inchiesta per fare luce su quanto accaduto. La famiglia dell’uomo e l’intera comunità sono rimaste senza parole: la ricostruzione dei fatti. (Continua a leggere dopo la foto)

Leggi anche: Prima il boato, poi la fortissima esplosione: terribile notizia

Leggi anche: Nazionale italiana sotto choc, terribile incidente per l’ex capitano: è grave

Leggi anche: Devastante incidente in Italia tra furgone e camion: il bilancio è pesantissimo

Leggi anche: Terribile incidente stradale in Italia, una strage: chi sono le vittime

Tragedia col paracadute, Italia in lacrime: addio a Gianluca

Il parà della Folgore Gianluca Spina, 49 anni, si era appena lanciato per un addestramento nel territorio di Altopascio quando è avvenuto l’incidente che gli è costato la vita. L’uomo è precipitato nel giardino di un’abitazione privata a Orentano, al confine tra le province di Pisa e Lucca. Secondo alcune indiscrezioni, come riportato da Fanpage, il parà sarebbe stato colto da un malore. La procura di Pisa ha aperto un fascicolo di inchiesta per fare luce su quanto accaduto.Nei prossimi giorni verrà effettuata l’autopsia sul corpo dell’uomo per accertare le cause della morte.

Come riportato da Fanpage, sembra che durante il lancio di addestramento il paracadute si sia aperto regolarmente, da qui l’ipotesi che il 49enne sia stato colto da un malore durante la discesa che gli avrebbe impedito di manovrare regolarmente il paracadute. Sul posto dell’impatto sono giunti i soccorritori del 118 che hanno tentato di rianimare l’uomo, ma senza successo. (Continua a leggere dopo la foto)

Chi era il parà?

Gianluca Spina, originario di Cosenza e residente in provincia di Siena, sergente, era in servizio presso il 186/o reggimento Folgore di stanza a Siena, erede del contingente schierato a El Alamein e di cui custodisce la bandiera di guerra decorata dalla Medaglia d’Oro al Valor Militare. Aveva anche partecipato a missioni all’estero oltre a condurre la regolare attività operativa e addestrativa in patria.

powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure