Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Ucraina e Russia, la tensione cresce sempre più: cosa sta succedendo

Ore di tensione tra Ucraina e Russia. La paura di una Terza Guerra Mondiale è qualcosa di palpabile e sta davvero spaventando i Leader politici del mondo. Una guerra del genere  nel 2022 non porterebbe a nulla di buono, sarebbe un conflitto lampo dove forse a rimetterci come sempre sarebbe la popolazione. Quella che sta per iniziare sarà una settimana cruciale per la crisi ucraina. Da una parte la linea dura di Washington e Londra, che trova sponda nelle nazioni baltiche. Dall’altra, il tentativo di Francia e Germania di scongiurare uno scenario nel quale Mosca, in caso di attacco, verrebbe sottoposta a durissime sanzioni che avrebbero pesanti conseguenze anche sull’Europa continentale. (Continua a leggere dopo la foto)

Ucraina e Russia, la tensione cresce sempre più: cosa sta succedendo

In caso di una Terza Guerra Mondiale le conseguenze sarebbero disastrose soprattutto a livello economico e non solo per la Russia e l’Ucraina, ma bensì per l’intero pianeta. Questa settimana molto probabilmente sarà quella decisa per scoprire le sorti del conflitto. La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, venerdì scorso ha accusato gli “anglosassoni” di “aver bisogno di una guerra, a ogni costo”. Non ha caso va sottolineato l’utilizzo del termine anglosassoni per riferirsi in modo particolare a americani e britannici. La Casa Bianca, al termine del colloquio tra il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, e quello russo, Vladimir Putin, ha fatto sapere: «Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha parlato con il presidente della Russia, Vladimir Putin, a proposito della crescente escalation militare sui confini dell’Ucraina. Biden è stato chiaro che, se la Russia continuerà nei suoi piani di invasione dell’Ucraina, gli Stati Uniti, insieme ai propri alleati e partner, risponderanno in maniera decisa e imporranno rapidi e severi costi alla Russia».

Poi la nota della Casa Bianca prosegue: «Il presidente Biden ha ribadito che un’invasione della Russia in Ucraina produrrebbe una grande sofferenza umana e minerebbe lo standing della Russia. Il presidente Biden è stato chiaro con il presidente Putin che mentre gli Stati Uniti rimangono pronti a un’azione diplomatica, in pieno coordinamento con i propri alleati e partner, sono allo stesso modo preparati ad altri scenari». Nel frattempo, Washington ha annunciato l’evacuazione di tutto il personale della loro ambasciata a Kiev. (Continua a leggere dopo la foto)

Una soluzione diplomatica

L’allarme crescente arriva nonostante gli sforzi della diplomazia, da parte dei funzionari europei. Macron ha visitato sia Mosca che Kiev all’inizio di questa settimana e Scholz dovrebbe fare lo stesso nei prossimi giorni. Scholz terrà anche il suo primo incontro di persona con Putin a Mosca. Il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace era a Mosca venerdì per colloqui con Sergei Shoigu, che si sono conclusi con pubbliche recriminazioni. Delusione anche dopo un incontro separato tra negoziatori russi e ucraini, sotto la mediazione di Germania e Francia. Fonti hanno descritto l’incontro come “difficile”.

powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure