Home » Rossano Rubicondi, il padre si scontra con Eleonora Daniele a “Storie Italiane”

Rossano Rubicondi, il padre si scontra con Eleonora Daniele a “Storie Italiane”

Rossano Rubicondi: suo padre si scontra con Eleonora Daniele a Storie Italiane. Da un canto c’è un genitore che sconvolto dalla perdita del figlio non fa caso alle parole che escono dalla sua bocca, dall’altra una conduttrice che, nonostante le situazioni delicate, deve difendere i diritti umani. “Non distingueva tra uomini, donne e gay” dice Claudio Rubicondi e la Daniele lo corregge. (Continua a leggere dopo la foto)

Rossano Rubicondi

Rossano Rubicondi: suo padre si irrita per il rimprovero di Eleonora Daniele

Cala un’atmosfera di tensione a Storie Italiane: il papà dell’ex marito di Ivana Trump si sente offeso dalla correzione che la conduttrice Eleonora Daniele gli rivolge a seguito di una sua frase detta. Claudio Rubicondi, padre di Rossano, scomparso la scorsa settimana a New York all’età di 49 anni a causa di un melanoma, parla del rapporto difficile che aveva con il figlio: “Riccardo, che è il fratello più grande, cercava di redarguirlo, di non fare certe cose. Riccardo era più serio, più posato. Lui ha fatto particine al cinema, frequentava chiunque, non si domandava se erano donne, uomini e gay”.

E’ in quel momento che la conduttrice, visibilmente sconcertata, esordisce con: “E questo cosa c’entra scusami? Io non vorrei andare oltre. Ti prego, perché io poi sono una sempre in prima linea su ogni battaglia. Quindi non mi parlare così, perché offendi la sensibilità di tante persone. Non c’è differenza, ognuno ha il proprio orientamento ed è bello così. Capisco il tuo dolore, però attenzione a come parli di certe cose. Scusami, ma devo dirtelo questo. Ho capito, diciamo che è meglio così, ricordati che sei sempre in televisione”. 

A quel punto Claudio, alquanto irritato, sbotta: “Ho capito Eleonora, ma se vuoi che io parlo e devo stare attento a quello che dico, lasciamo stare, guarda, non è il momento di prendere rimproveri da nessuno, capito? Nessuno si deve permettere di rimproverarmi, nessuno!”. E’ Alessandro Cecchi Paone a cercare di calmare le acque in studio: “Il signor Claudio voleva dire che stava bene in tutti i mondi“.

Ma chi è dalla parte del torto e chi da quella della ragione? Nessuno. Dal canto suo Claudio, preso da un momento di sconforto e rabbia per le cattive frequentazioni del figlio, non dosa le sue parole ed effettua una distinzione tra “uomini, donne e gay”. Dal canto della conduttrice, invece, c’è l’intenzione, nonostante il momento piuttosto delicato, di difendere davanti a tutt’Italia i diritti umani. La donna si sente in dovere di contrastare qualunque precisazione relativa ad orientamento sessuale ed identità di genere. Ciò che però non è ancora chiaro è il perché ci tenesse così tanto a sottolineare di essere “In prima linea su ogni battaglia“: è stato giusto correggere l’uomo, ma invitare ad utilizzare un linguaggio rispettoso (soprattutto in televisione) è ciò che, a prescindere, dovrebbero fare tutti.