Home » Che tempo che fa, Bebe Vio ha rischiato di morire: la sua lotta contro un’infezione

Che tempo che fa, Bebe Vio ha rischiato di morire: la sua lotta contro un’infezione

Bebe Vio, all’anagrafe Beatrice Maria Adelaide Marzia Vio, è stata tra gli ospiti della puntata di Che tempo che fa, trasmessa domenica 10 ottobre 2021. L’atleta ha vinto la medaglia d’oro nel fioretto individuale e la medaglia d’argento nel fioretto a squadre alle ultime Paralimpiadi di Tokyo 2020, dove è anche stata la portabandiera per l’Italia. L’intervista alla ragazza è iniziata con la messa in onda di un video molto commovente che riassumeva tutta la sua vita. I suoi parenti presenti in studio (la madre Teresa, il padre Ruggero e la sorella Maria Sole) sono scoppiati in lacrime. Ad un certo punto durante la lunga intervista a Che tempo che fa Bebe Vio ha parlato della sua lotta contro una grave infezione che poteva farla morire. (Continua a leggere dopo la foto)

Che tempo che fa, Bebe Vio parla dell’infezione che poteva ucciderla

Ai microfoni di Che tempo che fa, Bebe Vio ha parlato dell’infezione che poteva ucciderla: «È stato un periodo tosto, più che altro perché non me lo aspettavo. Ero riuscita a vivere bene anche la pandemia perché per la prima volta dopo tanto tempo, la famiglia era riunita a casa. Andava tutto bene, poi a settembre mi sono infortunata. In ospedale ho preso lo Stafilococco, capita, ci sono percentuali bassissime ma io sono fortissima con le percentuali basse. Più è bassa, più io la vado a beccare. Il mio ortopedico è stato bravissimo…tra l’altro si chiama Accetta. All’inizio pensava di dovermi amputare un altro pezzo e ho detto: “Anche no”. Gli ho chiesto di darmi una settimana per fare Pasqua con la famiglia e lui: “Non hai capito com’è la situazione”, io non pensavo fosse così grave, la stavo sottovalutando. Ho fatto le cure per debellare l’infezione, che mi stava mangiando tutto. In quel momento ero la prima a non crederci, ma mi hanno tirata su». Poi parlando della sua infanzia Bebe Vio ha ricordato che da da piccola, dopo la malattia, disse a suo padre di volersi suicidare buttandosi giù dal letto. Il padre le rispose che così si sarebbe solo fatta più male.

Una vita a dir poco sorprendente

La campionessa delle Paralimpiadi di Tokyo 2020, Bebe Vio, ha una vita a dir poco sorprendente. Ha incontrato moltissimi capi di stato e gira spesso il mondo: «Sembro quella che si imbuca sempre alle cene. Mi manca la Regina Elisabetta e devo muovermi mi sa». Poi sulla Bebe Vio Academy, ha aggiunto: «Nike ha scelto di realizzare il sogno di 9 atleti. Io sono l’unica bianca, ho trovato un po’ di razzismo». Tra le sue ultime avventure una passeggiata sullo Stromboli. L’atleta italiana ha raccontato così questa sua nuova impresa: «12 km andata e ritorno, eravamo morti. Però bellissimo, ci siamo divertiti un sacco. Quelli che mi fanno le protesi si sono divertiti un po’ meno, perché ho distrutto i piedi».

“Che tempo che fa” torna su Rai3 con Fabio Fazio: primo ospite Brian May