Home » Platinette parla per la prima volta del dramma di suo figlio

Platinette parla per la prima volta del dramma di suo figlio

Mauro Coruzzi, in arte Platinette, è uno dei personaggi più amati dello spettacolo italiano negli ultimi 30 anni. Disc-Jockey, conduttore Tv, opinionista, abbiamo conosciuto tanti volti di Platinette, sempre belli e sorridenti. C’è tuttavia nel suo privato un grande dolore che solo di recente Mauro è riuscito a raccontare, rendendolo pubblico. (Continua leggere dopo la foto)

platinette

Oggi conosciamo quasi tutto di Platinette, anche molti dettagli sulla sua vita privata e sentimentale. Conosciamo, ovviamente, anche il suo orientamento sessuale. Che tuttavia non è stato in passato quello che oggi è noto a tutti. Mauro è  stato ed è la prima drag queen italiana nel mondo dello spettacolo e della musica, ed ha rivoluzionato completamente le menti ed i pensieri degli telespettatori. Ma Platinette è stato anche un padre, prima di diventare un personaggio pubblico amatissimo. (Continua leggere dopo la foto)

Dietro la storia di Platinette padre c’è un grande dolore. Il racconto, emerso di recente, ha toni drammatici. Maurizio all’epoca era solo un ragazzo in preda ad una sorta di crisi esistenziale poiché ancora inconsapevole del suo vero orientamento sessuale. Ricorda che in quell’anno era in procinto di diplomarsi insieme ai suoi rispettivi compagni. In quel periodo aveva una relazione sentimentale con una ragazza della sua età, con la quale usciva quasi sempre con una coppia di amici in comune. (Continua leggere dopo la foto)

platinette

Maurizio, a “The Real” su Tv8, ha ricordato la serie di eventi che scatenò poi la perdita del figlio. All’epoca dovette prendere una decisone estremamente grave e importante assieme alla sua ragazza di allora. Lei era all’oscuro della situazione che già legava Maurizio con il ragazzo della sua amica. Ai tempi non era ancora in vigore l’attuale normativa sull’aborto. E lui e la ragazza che frequentava, essendo due ragazzini, presero la decisione che pareva più sensata. Oggi però Maurizio pensa molto al figlio: non può fare a meno di pensare a come sarebbero andate le cose se non avesse preso quella decisone molti anni fa.