Home » Cena al ristorante finisce in tragedia, un morto e 31 intossicati: cosa aveva preparato il cuoco

Cena al ristorante finisce in tragedia, un morto e 31 intossicati: cosa aveva preparato il cuoco

Una cena di beneficenza di una parrocchia di un piccolo paese in Gran Bretagna, in un vicino pub, si è conclusa in tragedia. Uno dei parrocchiani è morto e altri 31 hanno subito un’intossicazione alimentare dopo aver cenato insieme. (continua a leggere dopo la foto)

Una delle fedeli presenti alla cena, Elizabeth Neuman, 92 anni, ha ripetutamente vomitato dopo aver mangiato ed è morta mentre altri parrocchiani si sono sentiti male. Tre di loro, invece, si sono rifiutati persino di assaggiare il cibo proposto, che non doveva essere molto invitante. Ma cosa hanno mangiato queste persone per sentirsi male a tal punto da finire in ospedale e per uno di loro, purtroppo, avere conseguenze fatali? (Continua a leggere dopo la foto)

Secondo i tabloid inglesi che hanno riportato la notizia, i commensali avrebbero mangiato il tipico pasticcio di carne all’inglese (“Torta di carne”, letteralmente, ndr). A cucinarla John Croucher, che all’epoca ( i fatti risalgono al 2018, ndr) era capocuoco al Crewe Arms nel villaggio di Hinton-in-the-Hedges, nel Northamptonshire. L’uomo naturalmente è subito finito sotto inchiesta per via dell’intossicazione alimentare cagionata, con esito fatale per un uomo.

Difendendosi in tribunale, Croucher, 40 anni, ha dichiarato: “Odio dirlo, odio davvero dirlo, ma penso di essere stato frettoloso. Andavo di fretta”. Ha detto che aveva lavorato nelle cucine per 20 anni e ora invece è “un cuoco migliore” a causa della terribile vicenda, “circostanza orribile, orribile” la definisce. Ha aggiunto: “Il rimorso è un eufemismo. Questo è qualcosa che non dimenticherò mai. Per questo motivo sono un cuoco migliore ed è un peccato che il prezzo sia stato questo.”

Croucher è stato condannato a quattro mesi di carcere, con sospensione di 12 mesi, dopo aver ammesso di aver contravvenuto alle regole previste dalle normative alimentari britanniche nella preparazione della cena. Il giudice, Sarah Campbell, ha dichiarato: “L’8 ottobre 2018, 35 abitanti del villaggio sono andati a Crewe Arms per una cena di raccolta fondi. Trentadue persone mangiarono la torta del pastore. Una persona sana è morta per un’emorragia gastrointestinale indotta dal vomito”. (Continua a leggere dopo la foto)

I casi di intossicazione nel Regno Unito come in altri paesi europei sono piuttosto frequenti. Ma cosa aveva cucinato il cuoco quella sera per provocare una simile tragedia. «Croucher era lo chef quella sera – dice la giudice – Il trito di carne non era ben cotto e veniva messo in una padella con acqua ghiacciata. Croucher doveva uscire, quindi mise il ​​​​macinato nella pellicola trasparente e poi in frigo per una notte. Dopo averlo lasciato, lo fece cuocere di nuovo e aggiunse il purè di patate caldo. Non ha misurato la temperatura quando è stato servito”.

Insomma, una vicenda davvero terribile e che paradossalmente poteva avere conseguenze ben peggiori. Se solo altre persone, vegetariane, presenti alla cena di beneficienza avessero accettato di assaggiare la “torta del pastore”, il disgraziato cuoco avrebbe potuto avere sulla coscienza più di un morto.