Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Decreto 5 Gennaio 2022, le nuove regole del Governo: cosa dovremo aspettarci

Decreto 5 Gennaio 2022, le nuove regole del Governo: cosa dovremo aspettarci

La campagna vaccinale in Italia continua senza sosta. Da Dicembre 2021 sono state aperte le vaccinazioni anche ai bambini di età compresa tra i 5 e i 12 anni. Non tutti però hanno deciso di aderire alla campagna per ostacolare la diffusione del Covid-19. Ad oggi sono 5,5 milioni gli italiani over 12 non ancora vaccinati. La maggior parte è compresa nella fascia di età tra i 40 e i 59 anni. Come procederà il Governo nei confronti di questa grossa fetta di popolazione non vaccinata? La risposta dovrebbe arrivare con il nuovo decreto del 5 Gennaio 2022. (Continua a leggere dopo la foto)

Decreto 5 Gennaio 2022, le nuove regole del Governo: cosa dovremo aspettarci

Domani 5 Gennaio 2022 il Governo firmerà un nuovo decreto con delle nuove regole per cercare di arginare la pandemia da Covid-19. Il punto del giorno è quello che riguarda la situazione dei no-vax. Come ci si dovrà comportare nei loro confronti? Almeno per ora non ci sarà l’obbligo vaccinale esteso all’intera popolazione. Stando a quanto anticipa Repubblica, “la linea del Premier, condivisa col ministro della Salute Roberto Speranza, è quella di imporre il Super Green Pass a tutti i lavoratori pubblici e privati. Anche a coloro che lavorano da casa. È il cosiddetto 2G, come è stato definito in Austria e Germania, il permesso rilasciato a chi è vaccinato o è appena guarito dal Covid, e che non contempla più la possibilità del tampone negativo. Il premier porterà questa proposta al Consiglio dei ministri di domani, con una motivazione piuttosto solida: riuscire a intaccare lo zoccolo duro dei no-vax convincendone almeno la metà a sottoporsi alla somministrazione prima del raggiungimento del picco di contagi». (Continua dopo la foto)

Le parole di Andrea Costa

Ci sono pochi dubbi ormai, la stretta del Governo sui no-vax prenderà la forma del Super Green Pass esteso a tutti i lavoratori. Come riportato da Il Tempo, il sottosegretario al ministero della Salute Andre Costa ha dichiarato: «Per raggiungere la convivenza con il virus bisogna correre con le terze dosi e ampliare la platea dei vaccinati. Credo che l’estensione del super green pass sui luoghi di lavoro possa aiutare a convincere parte dei 5 milioni delle persone che ancora non si è vaccinato. Su questo c’è un confronto aperto ma prevedo che si arrivi all’estensione del super green pass, anche graduale». Poi sull’obbligo vaccinale ha aggiunto: «Io sarei anche favorevole, il punto è che nel momento in cui lo metti per legge non risolvi in problema perché potrebbero esserci comunque milioni di cittadini che decidono comunque di non vaccinarsi” rimarca il sottosegretario». 

Scuole Italia, la decisione del Governo sul rientro in classe al tempo del Covid

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004