Home » India, dichiarato morto si risveglia il giorno del suo funerale: l’assurda storia di un 21enne

India, dichiarato morto si risveglia il giorno del suo funerale: l’assurda storia di un 21enne

Una storia decisamente assurda arriva dall’India. L’esperienza vissuta da un 21enne dopo un incidente stradale ha letteralmente fatto il giro del mondo finendo tra le prime pagine dei maggiori quotidiani. Questa vicenda ha come protagonista un ragazzo di 21 anni che si è risvegliato della morte durante il suo funerale. Sì, avete capito bene. La famiglia lo piangeva morto e lui era ancora vivo. Dopo che i medici di un ospedale privato hanno dichiarato il suo decesso, i parenti si sono messi a preparare la cerimonia funebre quando all’improvviso è avvenuto il “miracolo”. (Continua a leggere dopo la foto)

India, dichiarato morto si risveglia il giorno del suo funerale: l’assurda storia di un 21enne

I medici di un ospedale privato in India, dov’era ricoverato dopo un grave incidente stradale, lo avevano dichiarato morto quando, durante il suo funerale, il 21enne  si è risvegliato all’improvviso. Il fratello del giovane alla stampa locale ha dichiarato: «Ci stavamo preparando per la sepoltura, quando alcuni di noi hanno visto che aveva aperto gli occhi. Lo abbiamo subito portato in ospedale dove i dottori hanno detto che era vivo e lo hanno subito soccorso». Dopo attimi di stupore, i suoi famigliari hanno portato di nuovo il giovane in ospedale: «Il paziente è in condizioni critiche, ma sicuramente non è cerebralmente morto. Ha polso, pressione sanguigna e i suoi riflessi stanno funzionando». Perchè allora i dottori della clinica privata lo avevano dichiarato morto? La risposta a questa domanda è stata data dalla famiglia del giovane 21enne. (Continua a leggere dopo la foto)

Un racconto degno di un film horror

A quanto pare la clinica avrebbe dichiarato la morte del ragazzo per mancanza di denaro. La famiglia, infatti, ha dichiarato: «Quando abbiamo detto loro che avevamo finito i soldi, hanno dichiarato Furqan morto». Sul caso è stata aperta un’indagine. L’idea che si fa strada è che possa esseri trattato di morte apparente. La morte apparente è stata, fin dall’antichità, oggetto di una letteratura specifica che spazia tra teoria medica e cultura popolare, quest’ultima impressionata, soprattutto nei secoli XVIII e XIX, dal timore del seppellimento prematuro. Vampiri o semplicemente morte apparente? A questo quesito non si riuscirà mai a dare una risposta certa.