Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Bonus Cefalea, 280 euro al mese: ecco a chi spetta e come averlo

Bonus Cefalea, 280 euro al mese: ecco a chi spetta e come averlo

Cefalea è il termine scientifico utilizzato per indicare il mal di testa, cioè un dolore a qualsiasi parte del capo o alla parte superiore del collo. Ora questa malattia è stata riconosciuta come sociale e il Governo ha predisposto un bonus da 280 euro al mese e legge 104 per chi ne soffre quotidianamente. Il disegno di legge punta a riconoscere come malattia sociale la cefalea primaria cronica, accertata da almeno un anno nel paziente mediante diagnosi effettuata da uno specialista del settore presso un centro accreditato per la diagnosi e la cura delle cefalee che ne attesti l’effetto invalidante. Vediamo a chi spetta il Bonus Cefalea e come ottenerlo. (Continua a leggere dopo la foto)

Bonus Cefalea, 280 euro al mese: ecco a chi spetta e come averlo

Arriva il Bonus per la Cefalea da 280 euro al mese e legge 104 per chi ne soffre quotidianamente. È stato approvato il disegno di legge recante “disposizioni per il riconoscimento della cefalea primaria cronica come malattia sociale” dalla Commissione Igiene e Sanità. È possibile anche ottenere un assegno di invalidità di 279,47€ per tredici mesi all’anno se il proprio reddito non supera i 4800,38 euro e si ha un’età compresa tra 18 e 65 anni, oltre a questo poter usufruire delle agevolazioni legge 104. Quale tipo di cefalea è riconosciuta? Come abbiamo già anticipato, il disegno di legge punta a riconoscere come malattia sociale la cefalea primaria cronica, accertata da almeno un anno nel paziente mediante diagnosi effettuata da uno specialista del settore presso un centro accreditato per la diagnosi e la cura delle cefalee che ne attesti l’effetto invalidante. (Continua a leggere dopo la foto)

Tutte le curiosità su questa malattia

Cefalea è il termine scientifico utilizzato per indicare il mal di testa, cioè un dolore a qualsiasi parte del capo o alla parte superiore del collo. Le cefalee sono distinte in primarie (quelle riconosciute dal Bonus) e secondarie, a seconda che siano un problema in sé o la conseguenza di una patologia.  Quali sono le cause principali? Nella maggior parte dei casi, la cefalea rappresenta il risultato dell’interazione tra predisposizione genetica, cause esogene (interne all’organismo) e fattori scatenanti (cioè gli stimoli che innescano le alterazioni). Non tutti i tipi di mal di testa e non tutti gli attacchi richiedono necessariamente una cura. La terapia più adeguata deve essere sempre stabilita dal medico.In linea generale, la cefalea può essere curata con farmaci antidolorifici da banco.

Vaiolo delle scimmie, attenzione ad un errore fatale: ecco cosa non fare

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004