Home » Lodi, “Papi l’Americano” si suicida in diretta Facebook

Lodi, “Papi l’Americano” si suicida in diretta Facebook

Era in diretta Facebook quando ha deciso di togliersi la vita. Così raccontano alcuni utenti del social blu di Zuckerberg, una vera e propria tragedia avvenuta a Lodi Vecchio nel tardo pomeriggio di venerdì 8 ottobre.

Vittorio Miolla, uomo di 49 anni che si faceva chiamare Papi l’Americano, ha deciso di farla finita impiccandosi a un albero in un campo, ma i dettagli prima della sua morte fanno discutere in rete. Da quasi sei mesi viveva in tenda, e proprio lì vicino è avvenuto l’estremo gesto, documentato su Facebook con una diretta dal suo smartphone, stando a quanto raccontano gli utenti. Da mesi aveva perso tutto: lavoro, abitazione e viveva in condizioni di salute precarie.

A dare l’allarme e a far partire la chiamata ai carabinieri della stazione di Lodi Vecchio è una sua conoscente che ha assistito alla scena in diretta social: “Ho chiamato immediatamente il 112. Ho cercato anche di dare loro indicazioni abbastanza precise su dove di norma lui viveva, in un campo non lontano dall’autostrada. Purtroppo non sono arrivati in tempo, il luogo è difficile da raggiungere”.

All’arrivo dei carabinieri non c’è stato nulla da fare, Vittorio era già privo di vita e lo smartphone stava ancora riprendendo la scena.

Addio a Papi l’Americano

La situazione è peggiorata negli ultimi giorni, come raccontano gli abitanti del paese. Vittorio aveva perso il lavoro in un’azienda chimica della zona, in seguito ad un ictus. Non di certo una vita facile, se aggiungiamo che da sei mesi viveva da solo in una tenda dopo la separazione e la perdita della casa. “Si faceva chiamare Papi l’Americano — raccontano i suoi conoscenti — ed era un fan di Vasco Rossi. Ogni tanto nei locali del paese prendeva il microfono in mano e cantava per i clienti“.

Sempre una conoscente racconta di come Vittorio registrasse ogni mattina una diretta sui social dove parlava di svariati argomenti. Poi, l’arrivo dei primi freddi e le scarse disponibilità economiche (viveva con il reddito di cittadinanza ma ha dovuto saldare alcuni debiti) hanno portato all’esasperazione l’uomo. Il Comune gli era andato incontro offrendogli un posto in case di accoglienza o alloggi protetti. Ma lui aveva rifiutato.

Qualche giorno fa, sempre in una diretta social, ha annunciato di volerla fare finita dicendo che non avrebbe voluto passare un’altra notte al gelo. Il Comune gli aveva proposto un lavoretto e la possibilità di stare in un dormitorio a Lodi. La conoscente racconta che sembrava più sereno. Poi, la tragedia.