Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Quarta dose, Gismondo rompe il silenzio: “Cosa succede”

Quarta dose, Gismondo rompe il silenzio: “Cosa succede”

“Le quarte dosi di vaccino anti-Covid non decollano perché la gente è stanca”. È questa l’analisi di Maria Rita Gismondo, direttrice del Laboratorio di microbiologia clinica, virologia e diagnostica delle bioemergenze dell’ospedale Sacco di Milano, contattata dall’Adnkronos Salute per commentare la situazione del nostro Paese. (continua a leggere dopo le foto)

Clicca qui per leggere tutte le News di TvZap 

gismondo

Quarta dose, Gismondo rompe il silenzio: “Cosa succede”

Maria Rita Gismondo parlando della quarta dose di vaccino e dei casi in aumento in Italia ha detto: “Da un lato nota che anche moltissimi anziani, in caso di contagio, in questa fase hanno delle forme assolutamente asintomatiche o paucisintomatiche, quindi questa necessità del secondo booster adesso la gente non la sente. E poi le persone vogliono aspettare un vaccino nuovo, per fare in autunno una vaccinazione coerente con il virus circolante”. (continua a leggere dopo le foto)

gismondo

gismondo

Dopo il vaiolo delle scimmie la West Nile

“Con Covid, per ogni variante di Sars-CoV-2 che spunta, prima ancora di conoscerla scatta il panico. Si è cercato di diffonderlo anche con le epatiti a eziologia sconosciuta, e non ci si è riusciti. Si è provato a scatenarlo poi con il vaiolo delle scimmie, che però pare non faccia morire nessuno. E adesso la West Nile”, ha asserito l’esperta. (continua a leggere dopo le foto)

gismondo

Gismondo: “Non è una novità né un motivo di allarme”

“Spero davvero non si voglia strumentalizzare un’infezione che conosciamo ormai da tempo, che si è insediata nel bacino del Mediterraneo da almeno 30 anni e che sì, in pochi casi provoca una patologia seria, un’encefalite, ma che non rappresenta assolutamente una novità né un motivo di allarme”, ha rimarcato la Gismondo a proposito della malattia trasmessa dalla zanzara. Cinque morti nel 2020, nessuno nel 2021, e ieri invece un decesso per il virus West Nile. In settimana l’Istituto Superiore di Sanità aveva segnalato i primi casi di contagio, un 73enne nel padovano, e un 75enne di Modena.

Gismondo

Che cos’è la febbre del Nilo?

Si tratta però di un campanello d’allarme, non di un’emergenza la febbre del Nilo, come hanno spiegato le autorità sanitarie. Difatti è un vero pericolo soprattutto per gli anziani o i pazienti debilitati da altre patologie. Quasi mai lo è per i soggetti giovani o in salute, in cui spesso il virus si presenta come asintomatico. Leggi anche l’articolo —> Covid, Alberto Zangrillo: “Sintomi e tampone negativo? Paranoia ossessiva”

 

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004