Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Razzo enorme in caduta libera verso la Terra: cosa succede ora

Razzo enorme in caduta libera verso la Terra: cosa succede ora

Un razzo cinese sarebbe in caduta libera verso la Terra. L’allarme è stato lanciato dagli scienziati aerospaziali internazionali, i quali temono che il razzo potrebbe non bruciarsi completamente al rientro nell’atmosfera terrestre. Se questa eventualità dovesse verificarsi, cosa rischierebbe l’intera umanità? Ve lo spieghiamo in questo articolo. (Continua dopo la foto…)

Lockdown totale, chiudono tutto. La scelta estrema poco fa: ecco dove

Razzo cinese in caduta libera verso la terra

Domenica scorsa è stato lanciato in orbita un razzo cinese. Si tratta del Long March 5B da 21 tonnellate. Il lancio è avvenuto dalla piattaforma di Wenchang, sull’isola meridionale di Hainan, all’interno un nuovo laboratorio alimentato a energia solare. Il razzo, stando a quanto riferito da alcuni esperti scienziati aerospaziali internazionali, sarebbe “fuori controllo” e in caduta libera verso la Terra. Gli esperti temono che il razzo potrebbe non bruciarsi completamente al rientro nell’atmosfera terrestre. Dal canto suo, Pechino ridimensiona i rischi: “Il problema con i razzi cinesi è nella loro progettazione rischiosa e irresponsabile dei lanci. Di solito, gli scarti dei razzi rientrano subito dopo il decollo senza entrare in orbita, così da evitarne la dispersione e una eventuale precipitazione su un punto non sicuro, quelli cinesi invece no”, ha spiegato Jonathan McDowell. Il ministro degli Esteri cinese, invece, ha fatto sapere che la probabilità di danni a qualcosa o qualcuno è “estremamente bassa”. (Continua dopo la foto…)

Succederà tra poche ore: è allarme in Italia. Ecco cosa ci aspetta domani

Qual è il rischio

Se l’eventualità di cui abbiamo parlato sopra dovesse verificarsi, ovvero che il razzo cinese sarebbe veramente in caduta libera e incontrollata verso la Terra, quali sarebbero i rischi per l’intera umanità? Come spiega il “Messaggero”, tale eventualità potrebbe “dare luogo a una pioggia di detriti come quella che colpì l’Oceano Indiano un anno fa”. Il rischio è che parti del razzo possano letteralmente “piovere” sulle nostre teste. Qualcosa di simile è già accaduto nel maggio 2021. La traiettoria di volo non sarebbe nemmeno facile da prevedere, per via delle fluttuazioni nell’atmosfera generate dalle variazioni dell’attività solare.

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004