Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Russia, terrificante notizia dal Cremlino: “tremila cyber-mercenari per attaccare l’Italia”

Russia, terrificante notizia dal Cremlino: “tremila cyber-mercenari per attaccare l’Italia”

La guerra in Ucraina è arrivata al 99° giorno, l’avanzata dei russi nell’est in questa fase del conflitto pare inarrestabile. Sale la tensione sull’asse Mosca-Washington, dopo che Joe Biden ha annunciato che gli Usa forniranno all’Ucraina missili Himars a medio raggio ad alta tecnologia. Il ministro degli Esteri russo Lavrov parla di rischi di un allargamento del conflitto nel caso gli Usa mandassero i lanciarazzi a Kiev. Sul fronte diplomatico, nonostante la tensione, si registra una significativa novità: per la prima volta il Cremlino ha aperto all’ipotesi di un incontro fra Putin e Zelensky. Mentre l’Europa cerca di capire quale sarà la sua sorte, dal Cremlino è arrivata una notizia terrificante per l’Italia: ecco cosa sta accadendo. (Continua a leggere dopo la foto)

Russia, terrificante notizia dal Cremlino: “tremila cyber-mercenari per attaccare l’Italia”

La guerra è guerra e con le tecnologie di oggi può essere combattuta su vari fronti, in poche parole non serve necessariamente scendere in campo per distruggere una nazione. Qualche giorno fa il gruppo di hacker filorusso che si fa chiamare Killnet aveva minacciato “devastanti attacchi all’Italia”, che però non ci sono stati. Resta comunque il fatto che per ora tra gli obiettivi da attaccare in via informatica ci sarebbero la Credit Agricole e la Banca d’Italia. Su questo delicato tema di eventuali attacchi hacker da parte della Russia nei confronti dell’Italia, ai microfoni de Il Giornale, ne ha parlato Umberto Rapetto.

Il generale della guardia di finanza in congedo e fondatore del Gruppo Anticrimine Tecnologico ha ammesso: “La Russia ha reclutato tremila cyber-mercenari per attaccare le istituzioni italiane e qui si parla ancora di strategia. Il peggio deve arrivare. Il vero pericolo saranno gli attacchi a sorpresa. La Russia ha trovato sponda negli hacker brasiliani e in esperti reclutati in tutto il mondo con una sorta di volontariato digitale. Non solo ci sono i simpatizzanti di Putin, ma tanti altri portatori di interesse. Il ministro all’Innovazione ha dichiarato che il 95 per cento dei server della Pa non ha i requisiti minimi di sicurezza. Non bisognava ripartire da zero con una nuova agenzia che tra l’altro non sapremo quando sarà operativa. Al contrario bisognava sfruttare tutte le risorse a disposizione. Se i reclutamenti finiranno a dicembre del 2023, la guerra digitale l’avremo già persa”. (Continua a leggere dopo la foto)

La crisi del grano

Oltre alla possibilità di attacchi hacker da parte della Russia, l’Italia e l’intera Europa saranno costrette a fare i conti con la così detta “crisi del grano”. La crisi del grano legata alla guerra in Ucraina ha aumentato di quaranta milioni il numero delle persone in emergenza alimentare. Lo ha detto il segretario di Stato americano Antony Blinken. Blinken ha aggiunto che ci sono “tra le 20 e 25 milioni di tonnellate di grano che si trovano nei silos vicino ai porti di Odessa” e che “non possono muoversi a causa del blocco russo”. Nel frattempo, come riportato dal  Financial Times, l’Arabia Saudita si direbbe pronta ad aumentare la propria produzione di petrolio se quella della Russia dovesse diminuire a causa delle sanzioni. L’Arabia Saudita ha anche assicurato che risponderà aumentando la produzione nel caso in cui una crisi dell’offerta dovesse colpire il mercato petrolifero.

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004