Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Salame ritirato dai supermercati: “Presenza di Salmonella e Listeria”, ecco quale

Salame ritirato dai supermercati: “Presenza di Salmonella e Listeria”, ecco quale

Un particolare tipo di salame è stato immediatamente ritirato dal mercato. Il motivo è che l’ingestione di questo prodotto comporterebbe seri rischi per la salute: ecco tutti i dettagli sulla faccenda.

Salame dannoso per la salute: ecco quale stare attenti

Il prodotto alimentare ritirato dal mercato fa parte della società Villani Spa. Si tratta del salame “cacciatore”. Il sito web del ministero della Salute riporta la nuova allerta alimentare. Il salame non è conforme ai requisiti di sicurezza alimentare per “possibile presenza di Salmonella e Listeria”. Per questo motivo il ministero ha allertato sul consumo di questo prodotto e ha provveduto a ritirarlo dai supermercati. Per questo motivo il ministero chiede di non consumare il prodotto. Il lotto contaminato è il 240222-26/01/22, con marchio di identificazione dello stabilimento/produttore: CE It 68 L. Il nome del produttore è Villani Spa, con stabilimento in via Zanasi 24, Castelnuovo Rangone (Mo). La data di scadenza è il 15/07/2022. Il salame cacciatore viene venduto sfuso in pezzi da 170g (Lotto cartone 1326212).

Leggi anche: “Cartabianca”, anticipazioni della puntata di stasera martedì 17 maggio

I rischi per la salute: cos’è la salmonella e la listeriosi

Una delle cause più comuni di intossicazioni alimentari è la salmonella. La gravità dei sintomi varia dai semplici disturbi del tratto gastrointestinale fino a forme cliniche più gravi che si verificano soprattutto in soggetti fragili. Di solito i soggetti infetti dal batterio manifestano i sintomi tra le 6 e le 72 ore dall’ingestione di alimenti contaminati (ma più comunemente si manifestano dopo 12-36 ore). Il paziente potrebbe continuare a stare male da 4 a 7 giorni.

La listeriosi è un’infezione causata sempre da un batterio ed è generalmente dovuta all’ingestione di cibo contaminato. Gli alimenti principalmente associati all’infezione da listeriosi comprendono pesce, carne e verdure crude, latte non pastorizzato e latticini come formaggi molli e burro, cibi trasformati e preparati inclusi hot dog, carni fredde tipiche delle gastronomie, insalate preconfezionate, panini, pesce affumicato.

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004