Home » Sudan, aereo cargo precipita subito dopo il decollo: morte cinque persone

Sudan, aereo cargo precipita subito dopo il decollo: morte cinque persone

Una terribile notizia è giunta in queste ore dal Sudan: un aereo cargo è precipitato poco dopo il decollo. Il bilancio delle vittime è a dir poco spaventoso. Secondo quanto riportano i quotidiani locali il cargo, appartenente ad una compagnia locale, trasportava ventotto barili di carburante per il “Programma alimentare mondiale” delle Nazioni Unite ed era destinato a un campo dove vivono circa centomila rifugiati. Al momento le cause dell’incidente sono sconosciute e si indaga per cercare di capire cosa sia successo al mezzo. (Continua a leggere dopo la foto)

Sudan, aereo cargo precipita subito dopo il decollo: morte cinque persone

Cinque persone sono morte in un incidente aereo avvenuto martedì 2 novembre 2021 in Sudan. Il velivolo precipitato, un aereo da trasporto Antonov An-26 di epoca sovietica, si è schiantato poco dopo il decollo dall’aeroporto internazionale di Juba (vai al video). All’AFP David Subek, capo dell’Autorità per l’aviazione civile del Sud Sudan, ha rivelato anche la nazionalità delle vittime: «Uno è sud sudanese, due sono sudanesi e due sono ucraini». Secondo il direttore generale dell’aeroporto Kur Kuol, l’aereo avrebbe colpito un albero per poi andare a fuoco: «Le persone a bordo sono carbonizzate e sono in cattive condizioni». La Croce Rossa del Sud Sudan ha affermato che i soccorritori hanno raccolto cinque corpi “bruciati e irriconoscibili”. L’aereo avrebbe dovuto trasportare ventotto barili di carburante per il “Programma alimentare mondiale” delle Nazioni Unite presso un campo dove vivono circa centomila rifugiati. Ora si indaga per capire effettivamente cosa sia successo a bordo tanto da portare allo schianto. (Continua a leggere dopo la foto)

Una tragedia senza fine

L’incidente del 2 Novembre 2021 non è il primo che capita in questa nazione. Il Sud Sudan manca di un’infrastruttura di trasporto affidabile, con incidenti aerei spesso attribuiti a sovraccarico e maltempo. Come riportata da Caffeina, il 3 marzo il presidente Salva Kiir ha ordinato la sospensione di una compagnia aerea dopo che uno dei suoi aerei si è schiantato nell’est del Paese, uccidendo tutte e 10 le persone a bordo, compresi i due piloti. Prima di questi due aerei, nell’agosto 2020 c’è stato un altro incidente legato ad un mezzo della compagnia locale South West Aviation. Anche in questo caso il bilancio delle vittime è stato terribile: quattro passeggeri e tre membri dell’equipaggio.