Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Vaiolo delle scimmie, l’avvertimento di Bassetti: “I casi raddoppieranno in meno di una settimana”

Vaiolo delle scimmie, l’avvertimento di Bassetti: “I casi raddoppieranno in meno di una settimana”

L’infettivologo del San Martino di Genova, Matteo Bassetti ha pubblicato su Facebook un nuovo post dove avverte della pericolosità dei contagi da vaiolo delle scimmie. In particolare ha descritto il bollettino del virus: i contagi stanno aumentando e il virologo ha fatto un importante avvertimento.

Vaiolo delle scimmie, Bassetti: “I casi raddoppieranno in tutto il mondo”

“837 casi di vaiolo delle scimmie in 37 paesi. In un solo giorno i casi sono cresciuti del 15% con 22 casi in Italia, che è al nono posto al mondo. Di questo ritmo, i casi raddoppieranno (o forse anche più) in tutto il mondo, in meno di una settimana”. Questa la terribile previsione di Matteo Bassetti, che ha analizzato gli ultimi dati sul monkeypox. Il virus ha riportato il vaiolo a essere un problema in Europa e negli Stati Uniti dopo essere stato debellato decenni fa.

I primi casi di vaiolo delle scimmie in Europa sono apparsi nelle isole Baleari, in Spagna. In breve tempo altri casi hanno coinvolto altri paesi come la Germania e anche l’Italia. In realtà il virus non altamente contagioso come si può supporre: un individuo ne contagia un altro solo con un costretto stretto.

Leggi anche: Vaiolo delle Scimmie, Matteo Bassetti lancia l’allarme: cosa sta succedendo

Vaiolo delle scimmie, Matteo Bassetti: “Bisogna fermare la diffusione del virus”

L’infettivologo del San Martino spiega che “il problema  non è fare il bollettino o allarmare la gente, ma prendere tutti consapevolezza che dobbiamo e possiamo fermare la sua diffusione”. Come nella pandemia di coronavirus, bisogna tracciare i casi e impedirne la diffusione. Questo risultato, spiega Bassetti, si può ottenere solo “sensibilizzando l’opinione pubblica a farsi visitare da uno specialista di malattie infettive se compaiono pustole o vescicole strane sulla pelle. Prima identifichiamo i casi sospetti, prima fermeremo questa epidemia. Abbiamo tutti gli strumenti per farlo”, ha concluso l’infettivologo.

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004