Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Al Bano condanna l’attacco militare ordinato da Putin: “Un gesto che inorridisce”

Al Bano condanna l’attacco militare ordinato da Putin: “Un gesto che inorridisce”

A Zona Bianca, il programma di Rete4 condotto da Giuseppe Brindisi, ieri sera Al Bano si è detto profondamente rattristato per la svolta bellica del Cremlino. Il cantante in passato aveva espresso la propria stima per il presidente russo e si era pure esibito per quest’ultimo, ma ora davanti all’attacco militare all’Ucraina è rimasto completamente disorientato. L’artista, dopo essersi dichiarato spiazzato dall’azione militare russa, ha deciso di riferirsi direttamente a Putin. Vediamo insieme le parole del cantante pugliese. (Continua dopo la foto)

al bano figlio

“Zona Bianca”, Al Bano condanna l’attacco militare ordinato da Putin: “Un gesto che inorridisce”

L’attacco militare ordinato da Vladimir Putin contro l’Ucraina ha disorientato anche Al Bano. Il noto cantante italiano ai microfoni di Zona Bianca, riferendosi al Presidente Russo, ha dichiarato: «Non se lo aspettava nessuno, è un gesto che veramente inorridisce. Lui, con tutte la potenzialità che ha, con tutte le cose belle che ha fatto a favore della Russia, con questo senso di pace che ha seminato per molti anni, ora impone ai suoi di attraversare una nazione che si chiama Ucraina con i carri armati, con le pistole, con i fucili, con i bambini che scappano con le loro mamme. Vedo delle scene pazzesche…Fate vedere a Putin queste immagini!». Poi ha aggiunto: «Non si può restare indifferenti di fronte a questo seminare della morte. Noi abbiamo bisogno di vita, di pace. Invece di far sparare i cannoni, buttate pane e medicine a chi ha bisogno. Basta con questa guerra. La guerra non ha più ragione di esistere. Per nessuno». (Continua dopo la foto)

Il cantante inserito dall’Ucraina nella black list delle persone sgradite

Nel marzo del 2019 Al Bano era stato inserito dall’Ucraina nella black list delle persone sgradite e considerate pericolose per la nazione, proprio a motivo della sua vicinanza alla Russia e a Putin. Il cantante ai microfoni di Zona Bianca ricordando questo periodo ha ammesso: «Io ho cantato in un posto e nell’altro. In un’intervista avevo detto quello che pensavo di Putin e sono diventato non gradito, finendo nella black list. Io ho difeso la mia posizione dicendo chi sono, cosa faccio. Non ho mai pensato di diventare un terrorista qualsiasi, mai. Sono un uomo di pace, sono contro qualsiasi tipo di guerra».

Romina Carrisi parla del rapporto complesso con suo padre Al Bano: fan sconvolti

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure