Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Alex Marangon, i risultati choc dell’autopsia: cosa è emerso

Alex Marangon, i risultati choc dell’autopsia: cosa è emerso – Alex Marangon non si sarebbe suicidato. Sul corpo del 25enne sono state trovate alcune ferite alla testa che potrebbero essere compatibili con l’urto di alcuni oggetti contundenti. L’esame è stato eseguito dal medico legale Alberto Furlanetto, nominato dalla Procura di Treviso, e da Antonello Cirnelli, perito della famiglia della vittima. Durante l’autopsia erano presenti anche i carabinieri. (continua a leggere dopo le foto)

Leggi anche: Vincenzo caduto nel pozzo, come è morto: l’esito dell’autopsia

Leggi anche: Pierina Paganelli, spuntano le scritte choc sul muro vicino al luogo dell’omicidio

Alex Marangon, i risultati choc dell’autopsia: cosa è emerso

Alex Marangon, il 25enne barista di Marcon (Venezia), sarebbe morto per dei colpi alla testa e poi è finito nel fiume Piave dove il suo corpo è stato trovato il 2 luglio su un isolotto a Ciano del Montello. L’allarme era scattato all’abbazia di Vidor dove il giovane si era recato per seguire una sorta di rito sciamanico. A stabilirlo sono stati i medici che oggi hanno eseguito l’autopsia sul corpo di Marangon. (continua a leggere dopo le foto)

Leggi anche: Aereo precipita sull’autostrada: ci sono vittime

Leggi anche: La vacanza tanto sognata poi la tragedia: Francesco muore a 42 anni davanti ai figli

Alex Marangon, arrivano i primi risultati dell’autopsia

Alex, che a Vidor era andato con un conoscente dicendo che si recava ad una festa, era scomparso il 30 giugno. Il giovane è stato ritrovato privo di vita due giorni dopo. Il ragazzo, secondo alcuni testimoni, era stato visto allontanarsi dall’abbazia verso il Piave seguito da due persone che erano al raduno. “Abbiamo appreso dalla stampa della esistenza di lesioni da corpo contundente e quindi che non si è trattato di suicidio. Se quelle lesioni sono causa della morte e dovrà stabilirlo l’autopsia, è probabile si vada verso l’omicidio e quindi bisogna beccare l’assassino”, ha detto Stefano Tigani legale dei familiari di Alex all’«ANSA». E ancora: “Sì, c’è un buco di tre ore da chiarire, ma anche altro va chiarito in una storia molto fitta in cui chiediamo che chi sa parli”.

Scopriamo tutti i dettagli nella pagina successiva

Successiva
Pagine: 1 2
powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure