Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Farmaci ritirati dal mercato perché contaminati: l’Oms lancia l’allarme

Farmaci ritirati dal mercato perché contaminati: l’Oms lancia l’allarme

L’Oms ha lanciato l’allarme in Europa per due farmaci contaminati. Questi farmaci sono risultati scadenti, in quanto non soddisfano gli standard e le specifiche di qualità. La raccomandazione che fa l’Organizzazione mondiale della sanità è quindi quella di evitarne l’utilizzo. I rischi se si consuma questo farmaco sono talmente gravi da poter causare la morte. Di quali farmaci stiamo parlando?

Allarme dell'Oms, farmaci contaminati in Europa
Allarme dell'Oms, farmaci contaminati in Europa: i rischi

Allarme dell’Oms, farmaci contaminati in Europa: quali sono

Quali sono i farmaci in questione da non utilizzare assolutamente? Si tratta di medicinali per la tosse e per i sintomi di raffreddore e influenza, il cui produttore dichiarato è l’azienda indiana Marion Biotech. I nomi dei farmaci sono Ambronol e Dok-1 Max e sono risultati scadenti e l’uso di questi prodotto provoca seri rischi per la salute. “Ad oggi, il produttore dichiarato non ha fornito garanzie all’Oms sulla sicurezza e sulla qualità di questi prodotti”, afferma l’Oms Europa nella nota diffusa. Il suggerimento che va seguito assolutamente è quello di non utilizzarli.

Questi farmaci contaminati sono stati trovati in Uzbekistan e l’Oms si occupa della questione dal 22 dicembre 2022. Il ministero della Salute uzbeko ha sottoposto ai controlli di qualità questi sciroppi e ha evidenziato che entrambi contenevano quantità inaccettabili di glicole dietilenico e/o glicole etilenico come contaminanti, sostanze tossiche per l’uomo. I farmaci scadenti “potrebbero anche essere stati distribuiti, attraverso mercati informali, in altri Paesi o regioni”, avverte l’Oms Europa, che sta lavorando sul “rimuovere dalla circolazione questi prodotti scadenti per evitare danni ai pazienti”.

LEGGI ANCHE: Vaiolo delle Scimmie, il terribile annuncio dell’Oms: “È emergenza globale”

I rischi nell’utilizzo degli sciroppi contaminati

“I prodotti a cui si fa riferimento in questo avviso non sono sicuri e il loro uso, soprattutto nei bambini, può provocare lesioni gravi o morte”, avverte l’Oms Europa. Quali sono le conseguenze se si ingerisce questo tipo di sciroppo contaminato? I sintomi che compaiono sono gravi e vanno dal dolore addominale, vomito, diarrea, incapacità di urinare, mal di testa, stato mentale alterato e fino al danno renale acuto che può portare alla morte, ci tiene a specificare l’Oms.

Pertanto, l’Oms ha invitato le autorità regolatorie e sanitarie nazionali ad “informare immediatamente l’Oms se i prodotti in questione vengono scoperti nel rispettivo paese”. “Se qualcuno ha usato gli sciroppi, sviluppando reazioni o andando incontro a eventi avversi dopo l’utilizzo, consulti subito un medico e segnali l’incidente all’autorità regolatoria nazionale o al Centro nazionale di farmacovigilanza”, spiega l’Oms rivolgendosi ai cittadini, come riporta Il Messaggero.

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure