Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Ucraina, Papa Francesco gela il mondo intero: “È terza guerra mondiale”

Ucraina, Papa Francesco gela il mondo intero: “È terza guerra mondiale”

“Purtroppo l’Europa e il mondo intero sono sconvolti da una guerra di speciale gravità, sia per la violazione del diritto internazionale, sia per i rischi di escalation nucleare, sia per le pesanti conseguenze economiche e sociali. È una terza guerra mondiale ‘a pezzi’, di cui voi siete testimoni nei luoghi in cui state svolgendo la vostra missione”. Con queste parole Papa Francesco ha espresso ancora una volta tutte le sue preoccupazioni per la guerra in Ucraina, ricevendo in Vaticano i nunzi apostolici di tutto il mondo. (continua a leggere dopo le foto)

leggi anche l’articolo —> Terribile incendio al karaoke, decine di morti e feriti: bilancio pesantissimo

Ucraina, Papa Francesco gela il mondo intero: “È terza guerra mondiale”

Bergoglio ha ricordato lo stop degli incontri a causa della pandemia: “Sono passati tre anni dal nostro scorso incontro. La tempesta della pandemia da Covid-19 ci ha costretti a varie limitazioni della vita quotidiana e delle nostre attività pastorali. Ora sembra che il peggio sia passato, e grazie a Dio possiamo ritrovarci. Ma purtroppo l’Europa e il mondo intero sono sconvolti da una guerra di speciale gravità”. (continua a leggere dopo le foto)

Bergoglio ha ringraziato i rappresentanti pontifici per il lavoro svolto

Bergoglio, nel ringraziare i rappresentanti pontifici per il lavoro svolto, ha ricordato i nunzi apostolici mons. Joseph Chennoth e mons. Aldo Giordano, che da poco ci hanno lasciato, come pure quelli defunti già in quiescenza negli ultimi tre anni. “Questi nostri cari fratelli ci hanno preceduto nel cammino e ci invitano a guardare avanti e in alto”, ha detto commosso il Santo Padre. (continua a leggere dopo le foto)

Papa Francesco: “Abbiamo all’orizzonte il Giubileo del 2025”

Il Pontefice ha parlato anche del cammino sinodale che andrà avanti per tre anni: “Come Chiesa siamo impegnati in un percorso sinodale che vorrebbe far crescere nel popolo di Dio proprio questa dimensione di sinodalità. Anche voi siete stati coinvolti nella consultazione”. Infine un accenno all’Anno Santo e alla riforma: “Abbiamo all’orizzonte il Giubileo del 2025, di cui è stata avviata la preparazione. Come Curia Romana stiamo iniziando ad applicare la Costituzione apostolica Praedicate Evangelium: nata attraverso un processo di quasi nove anni, essa richiederà del tempo anche per entrare, per così dire, a pieno regime”. Leggi anche l’articolo —> Meteo, in arrivo un’intensa perturbazione: le previsioni di Giuliacci

 

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure