Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Nuovo richiamo alimentare da parte del ministero della Salute: ecco la bibita da non bere

Nuovo richiamo alimentare da parte del ministero della Salute: ecco la bibita da non bere

Può capitare che alcuni prodotti escano con qualche difetto di fabbrica. In questo caso gli operatori del settore alimentare (OSA) hanno l’obbligo di informare i propri clienti sulla non conformità riscontrata negli alimenti da essi posti in commercio e a ritirare il prodotto dal mercato. Oltre al ritiro, qualora il prodotto fosse già stato venduto al consumatore, l’OSA deve provvedere al richiamo pubblicandolo nella specifica area del portale del Ministero della Salute. In questi giorni è stato pubblicato un nuovo richiamo alimentare: ecco la bibita da non bere e perchè. (Continua a leggere dopo la foto)

Nuovo richiamo alimentare da parte del ministero della Salute: ecco la bibita da non bere

Nuovo richiamo da parte del Ministero della Salute. L’avviso ora riguarda il cocktail in busta a marchio “Nio Cocktails” (vai all’avviso). Nello specifico il prodotto è il preparato per il Mai Tai. Il motivo della segnalazione? La “presenza di mandorle” non dichiarate in etichetta nello sciroppo d’orzata e quindi per rischio presenza di allergeni. Il cocktail in busta è venduto in confezioni da 100 ml ciascuna. Il lotto o le scadenze del prodotto non sono disponibili, ma la bevanda è stata prodotta presso lo stabilimento di via Castellazzo 1/A, a Cambiago, Milano. Come riportato dal fattoalimentare.it, l’azienda raccomanda alle persone allergiche alle mandorle o alla frutta secca in guscio di non consumare il prodotto segnalato e restituirlo al punto vendita d’acquisto per il rimborso o la sostituzione. (Continua a leggere dopo la foto)

Allergia alle mandorle: sintomi

L’allergia alle mandorle, come quella alle noci o alle arachidi, può provocare disturbi severi, per questo occorre prestare massima attenzione in caso si sia allergici. I principali sintomi sono quelli tipici delle allergie alimentari: diarrea; vomito; orticaria; angioedema; dispnea; tosse; fastidio alla gola; anafilassi e shock anafilattico. In caso di disturbi sospetti  potete sottoporvi facilmente a dei test allergologici. Per poterli eseguire basterà chiedere al proprio medico di base, che saprà indirizzarvi sulla strada migliore per risolvere il problema.

Patatine ritirate dal commercio: gravi rischi per la salute. Il celebre marchio finisce nei guai

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure