Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Guerra in Ucraina, Putin nei guai: la decisione dell’UE cambia le carte in tavola

Mentre le truppe russe continuano imperterriti l’invasione in Ucraina, l’UE si sta muovendo con lo scopo di disincentivare Vladimir Putin a continuare questa guerra. L’Unione Europea ha dunque fatto una mossa che di certo metterà in enormi difficoltà la Russia e ora aspetta la prossima mossa del presidente russo.

Guerra in Ucraina, il provvedimento dell’UE contro la Russia

L’Unione Europea ha approvato il quarto pacchetto di sanzioni contro la Russia e una dichiarazione all’Organizzazione mondiale del commercio (Wto) sull’invasione russa del Paese. Lo hanno comunicato gli ambasciatori dell’UE nel pomeriggio di ieri, lunedì 14 marzo. L’UE ha anche convalidato una dichiarazione all’Organizzazione mondiale del commercio (Wto) sempre nei confronti della Russia. Via quindi tutti i privilegi nei confronti delle altre nazioni confinanti. Tornano quindi i dazi e le tasse doganali.

In seguito all’approvazione del quarto pacchetto di sanzioni, la Russia ha già fatto la sua contromossa. Putin ha decretato il blocco delle esportazioni di alcuni prodotti. Fino al 31 agosto 2022, infatti, saranno sospese le esportazioni di zucchero bianco e grezzo mentre, fino al 30 giugno 2022, saranno sospese le esportazioni di grano, orzo, mais e segale.

Il parere di Antonio Guterres (Onu), è ancora possibile una guerra nucleare

Sempre più preoccupante è la possibilità che la Russia decida di ricorrere al nucleare. Nel pomeriggio di lunedì 14 marzo, infatti, le forze russe hanno fatto saltare in aria delle munizioni in prossimità dell’Unità G1 della centrale nucleare di Zaporizhzhya, la più grande centrale nucleare europea, sequestrata dagli invasori nei giorni scorsi.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres ha detto la sua in merito al pericolo di una guerra nucleare. “La prospettiva di un conflitto nucleare, una volta impensabile, è tornata ora nel regno delle possibilità”. Insomma, la possibilità che Putin voglia usare armi nucleari c’è. Il segretario generale, inoltre, ha comunicato la decisione di donare altri 40 milioni di dollari da destinare agli aiuti all’Ucraina, assediata dall’esercito russo. Intanto continuano ad arrivare i messaggi che incitano alla pace. Non è da meno Guterres che ha poi lanciato un appello destinato a sollecitare “un’immediata cessazione delle ostilità e seri negoziati basati sui principi della Carta Onu e del diritto internazionale”.

powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure