Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Città di Castello in lutto: è morto l’imprenditore Antonio Gasperini

Città di Castello in lutto: è morto l’imprenditore Antonio Gasperini

Città di Castello piange la scomparsa del commendatore Antonio Gasperini che si è spento all’età di 93 anni. Con la morte dell’imprenditore a capo dell’omonimo Scatolificio la città perde uno dei protagonisti dell’economia del Secondo dopoguerra nell’Alta Valle del Tevere. Un uomo che era legatissimo alla sua terra. Per tutta la sua esistenza si è impegnato infatti per rendere robusto il tessuto produttivo dell’Umbria. Non solo: Gasperini si è speso anche a livello sociale, i quotidiani locali ricordano la Fondazione Cassa di Risparmio di Città di Castello. (continua a leggere dopo le foto)

leggi anche l’articolo —> È morto il giovane calciatore italiano, aveva soltanto 23 anni: il tragico annuncio

Città di Castello in lutto: è morto l’imprenditore Antonio Gasperini

Si è spento 93 anni Antonio Gasperini, uno dei punto di riferimento di Città di Castello. Imprenditore illuminato, così lo definiscono le persone che lo conoscevano. Tanti i messaggi di vicinanza e affetto alla famiglia, fra cui quello dell’Amministrazione: “Voglio esprimere il mio personale cordoglio e quello dell’amministrazione comunale per la scomparsa del Grande Ufficiale, Antonio Gasperini, conosciuto ed apprezzato prima di tutto per la sua umanità, generosità e poi per i numerosi ruoli che ha svolto nel corso della sua vita nel settore dell’economia e industria, nel volontariato, alla guida di associazioni di categoria, istituti bancari ed altri ambiti della comunità locale e regionale. Un vero e proprio simbolo della nostra città che amava tanto e di cui era orgoglioso e autorevole rappresentante anche nelle numerose occasioni in cui l’ha rappresentata spesso a fianco delle istituzioni”. (continua a leggere dopo le foto)

L’abbraccio della città: il messaggio toccante del sindaco

E ancora: “Esempio di laboriosità e rettitudine nell’azienda fondata agli inizi degli anni sessanta nella zona industriale, che assieme ad altri grandi imprenditori tifernati, ha contribuito a far nascere e sviluppare all’insegna della prosperità e lavoro. Gasperini ha rappresentato per intere generazioni anche un simbolo per l’impegno senza sosta nel volontariato, alla testa della sua amata Avis sempre vicino a coloro che soffrono ed hanno bisogno di aiuto. Oggi, ne sono sicuro, tutta la comunità tifernate si stringe attorno alla famiglia, alla figlia Alessandra, alla nipote Elisa ed al genero Eros Colcelli, con un caloroso abbraccio, in segno di gratitudine e solidarietà”, le parole del sindaco di Città di Castello in riferimento alla scomparsa del Grande Ufficiale, Antonio Gasperini. Al messaggio di cordoglio del sindaco si unisce anche il Presidente del Consiglio comunale, che ha parlato di “un tifernate illustre che ha fatto la storia della sua amata città e della comunità locale”. 

Le parole di Filippo Nisi: “Gasperini un punto di riferimento”

Commosso anche il ricordo di Fabio Nisi, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Città di Castello e dell’associazione Palazzo Vitelli a Sant’Egidio, che ribadisce come Gasperini “fosse, oltreché un amico, un punto di riferimento per tutti noi nella vita quotidiana e nei diversi ambiti professionali e associativi, dove abbiamo collaborato insieme avendo sempre davanti lo sviluppo sociale, economico, culturale e produttivo e il bene della nostra comunità locale”. Nisi nel suo intervento ha sottolineato che “tanti sono i ricordi belli” lasciati dal commendatore. Su tutti: “la dedizione e orgoglio con cui portava avanti i numerosi e prestigiosi incarichi che ha ricoperto in ambito bancario e associativo, compresa la Fondazione dove ha lasciato un segno indelebile”. Leggi anche l’articolo —> Lutto nel calcio, è morto il noto allenatore: a darne il triste annuncio il figlio

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure