Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Neonata muore al pronto soccorso, momenti di tensione: polizia costretta ad intervenire

Neonata muore al pronto soccorso, momenti di tensione: polizia costretta ad intervenire

bimba morta ospedale

Neonata muore al pronto soccorso, momenti di tensione: polizia costretta ad intervenire

Una vicenda dolorosa arriva dalla Sicilia. Una neonata di appena 15 giorni è morta a Palermo. I genitori l’hanno portata in auto all’ospedale Di Cristina. Una corsa disperata per raggiungere il pronto soccorso. Secondo le prime ricostruzioni pare che il cuore della piccola avesse già smesso di battere prima dell’arrivo al nosocomio. Un evento che ha creato delle forti tensioni in ospedale: la polizia si è vista costretta ad intervenire.

leggi anche: Maestra recita l’Ave Maria con i bambini: la scuola prende un drastico provvedimento

leggi anche: Beve un cocktail in stazione e muore poco dopo: poi la scoperta da brividi

Una neonata di 15 giorni è morta a Palermo

Un neonata di 15 giorni è morta oggi all’ospedale Di Cristina di Palermo. Dopo una corsa in auto dei genitori verso il pronto soccorso, è stato accertato il decesso della piccola dai medici. Pare infatti che la bimba sia arrivata al nosocomio già morta. La notizia della scomparsa della piccola ha creato momenti di sconforto e tensione tra i familiari rimasti fuori dall’ospedale in attesa di notizie. Secondo quanto riferisce «Leggo» ad un certo punto sono intervenute alcune pattuglie di polizia dell’Ufficio prevenzione generale. La Procura per i minori, venuta a conoscenza del decesso, sta ora cercando di ricostruire i contorni della vicenda per far luce sulle reali cause della morte della bambina. Al momento l’ipotesi più probabile è che si tratti di un caso di “morte in culla”. (continua a leggere dopo le foto)

leggi anche: Madonna di Trevignano, le testimonianze dei fedeli lasciano senza parole

leggi anche: Bimbo di 4 anni ingoia una moneta, poi lo choc al pronto soccorso: cosa ha fatto la madre

bimba morta ospedale

C’è un secondo caso che riguarda bambini

Si tratta del secondo caso in poche ore di un soccorso che riguarda bambini. Questa è una vicenda completamente diversa: un’altra bimba di un anno è arrivata all’ospedale dei Bambini di Palermo portata dai genitori dopo aver ingerito marijuana. La piccola curata dai medici per fortuna non è in pericolo di vita. Gli esami hanno confermato che aveva ingerito cannabinoidi. Madre e padre interpellati dalle forze dell’ordine non hanno ancora saputo spiegare l’accaduto. Le indagini sono condotte dalla polizia, coordinate dalla procura per i minorenni, che ha perquisito in seconda battuta l’abitazione della coppia. Nel mese di febbraio sono stati due i casi di bimbi intossicati dalla droga arrivati al Di Cristina. (continua a leggere dopo le foto)

bimba morta ospedale

Neonata morta all’ospedale: accertamenti in corso

Nel 2022 si sono verificati 18 casi di bimbi finiti all’ospedale “Di Cristina” dopo avere ingerito droga. “Il numero di bambini ricoverati in ospedale a causa dell’assunzione accidentale di droghe è cresciuto rispetto al passato sia in Italia che all’estero e rappresenta una situazione da attenzionare”, ha detto a tal proposito Elena Bozzola, pediatra e consigliera nazionale della Società italiana di pediatria (Sip), che ha spiegato come il fenomeno sia probabilmente “legato alla maggiore diffusione di sostanze stupefacenti che si è avuta negli ultimi anni”. Per la pediatra “quello che preoccupa è che sembra mancare la consapevolezza di quanto questo fenomeno possa essere pericoloso, soprattutto per i bambini più piccoli”.

powered by Rossotech

©Caffeina Media s.r.l. 2023 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure