Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Pensione, quando scatta la sospensione: segnatevi questa data

Pensione, quando scatta la sospensione: segnatevi questa data

L’Inps provvederà all’acquisizione delle dichiarazioni personali dei beneficiari che vivono all’estero e dunque dei pensionati che non risiedono in Italia. Il 14 settembre si darà il via agli accertamenti sulle pensioni dei cittadini italiani che però non risiedono in Italia, ma in Europa, Africa e Oceania. Se non si provvede a fornire i propri dati entro una certa data, le conseguenze saranno gravi: la pensione verrà sospesa. Ecco cosa bisogna fare ed entro quando bisogna completare la procedura obbligatoria.

Sospensione della pensione: segnatevi questa data

Chi vive all’estero e riceve lì il bonifico della pensione dovrà segnarsi una data importante nel calendario. Pena la sospensione dell’assegno pensionistico. Gli interessati dovranno fornire i propri dati all’Inps. Lo scopo di quest’accertamento è verificare l’esistenza in vita del pensionato, che sta ricevendo il bonifico ogni mese. Nessun obbligo per chi riceve la pensione in Italia: il controllo viene fatto automaticamente dal comune di residenza.

Gli accertamenti all’estero, però non possono avvenire automaticamente, ecco perché il tutto avviene attraverso le reti consolari Citibank. È importante ricordare che la verifica dell’esistenza in vita dovrà giungere all’Inps entro il 12 gennaio dell’anno prossimo, altrimenti il pagamento verrà sospeso.

Leggi anche: “Addio alla monarchia”: la bomba su Re Carlo poco fa, cosa sta succedendo

Come dimostrare l’esistenza in vita se si vive all’estero

L’Inps provvederà ad inviare dei moduli che dovranno poi essere dati indietro con apposita firma, affinché sia rilevata l’esistenza in vita dei soggetti pensionati. Bisognerà allegare ai documenti la fotocopia di un documento di riconoscimento insieme ad una foto. Fatto questo, basterà che il soggetto in questione invii tali documenti all’indirizzo di posta elettronica istituzionale dell’ufficio consolare del Paese in cui risiede. Una volta ricevuta la risposta dal pensionato, l’ente provvederà all’avvio di una videochiamata. In questo modo verrà verificata l’esistenza in vita del richiedente.

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure