Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

Reddito di cittadinanza, cosa cambia nel 2022: tutte le novità

Il Reddito di cittadinanza è una misura di politica attiva del lavoro e di contrasto alla povertà, alla disuguaglianza e all’esclusione sociale. Si tratta di un sostegno economico ad integrazione dei redditi familiari. Inoltre, è associato ad un percorso di reinserimento lavorativo e sociale, di cui i beneficiari sono protagonisti sottoscrivendo un Patto per il lavoro o un Patto per l’inclusione sociale. Come molti sapranno, la misura era stata introdotta per coloro che aveva un reddito ISEE basso. Ma adesso, l’introduzione del Reddito di Base, potrebbe cambiare tutto. (Continua a leggere dopo la foto)

Reddito di cittadinanza, cosa cambia nel 2022: tutte le novità

Sono state introdotte diverse novità per il Reddito di Cittadinanza 2022 con la nuova Legge di Bilancio. In primo luogo è stato previsto il suo rifinanziamento. La Manovra stanza circa un miliardo (1.065,3 milioni di euro) dal 2022 al 2029 per il Rdc. Nello specifico, il finanziamento è stato incrementato di 1,06 miliardi per il 2022 e altrettanti, per ogni singolo anno, fino al 2029. Inoltre, il Governo ha previsto anche più fondi per i centri per l’impiego. Prevista una spesa fino a un limite di 70 milioni di euro a decorrere dall’anno 2022. Fondi extra pari a un massimo di 20 milioni di euro poi, per le politiche attive del lavoro dei CPI in favore dei giovani di età compresa tra i 16 e i 29 anni. Sul Reddito di Cittadinanza arriva anche una stretta anti furbetti. Il cosiddetto Piano di verifica sarà definito con la collaborazione del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali, dell’Agenzia delle entrate e col supporto della Guardia di Finanza e del Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale. (Continua dopo la foto)

Reddito di Base: cos’è e come funziona

Come riportato da Conto Corrente Online, il Reddito di Base si distingue dal RdC. Questo è un assegno introdotto per i cittadini europei con l’obiettivo di garantire loro una vita dignitosa. A differenza del RdC, ad erogare questa misura non sarà lo Stato italiano, ma l’Unione Europea. Per il momento non si conoscono le soglie economiche di chi può richiederlo o meno. La misura sarà, infatti, discussa in Parlamento Europeo a partire da giugno 2022. Chi già percepisce il Reddito di Cittadinanza potrà comunque richiederlo? Probabilmente i due redditi verranno cumulati, visto che ad erogarlo sono due enti diversi. Ma per avere delle certezze bisogna aspettare delle comunicazioni ufficiali.

powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure