Home » Da grande, bufera per gli ascolti bassi: riunione d’emergenza in Rai

Da grande, bufera per gli ascolti bassi: riunione d’emergenza in Rai

Il nuovo programma televisivo “Da grande” ha debuttato ieri in prima serata su Rai 1. Il debutto, però, è stato tutt’altro che soddisfacente. Lo show televisivo condotto da Alessandro Cattelan, infatti, ha ottenuto ascolti veramente bassi. In Rai sono stati costretti a convocare una riunione d’emergenza. (Continua dopo la foto…)

da grande ascolti

Da grande ascolti bassi: riunione d’emergenza in Rai

“Da grande” è una delle novità presenti nei palinsesti della stagione televisiva 2021-2022 di Rai Uno. La trasmissione condotta da Alessandro Cattelan ha esordito ieri, domenica 19 settembre 2021, in prima serata su Rai Uno. I protagonisti della trasmissione sono personaggi che hanno superato ormai l’età adulta e raccontano com’è cambiata la loro vita rispetto a quando avevano vent’anni. La prima puntata è stata un mix di monologhi, performance, dialoghi e interviste agli ospiti accorsi in studio. Il prodotto sembrava funzionare, ma il day after è stato da brividi. Il programma ha infatti ottenuto un totale di ascolti veramente basso pari al 12,67% di share. Un numero molto basso in virtù soprattutto dell’investimento fatto dalla Rai per realizzare il nuovo programma condotto da Cattelan. Il conduttore ha infatti invitato in studio personaggi del calibro di Marco Mengoni, Il Volo, Paolo Bonolis, Elodie, Antonella Clerici e Luca Argentero.
Secondo quanto riportato da Giuseppe Candela, giornalista di Dagospia e de Il Fatto Quotidiano, la Rai avrebbe convocato addirittura una riunione d’emergenza. Tema della riunione ovviamente gli ascolti bassi del nuovo programma televisivo e le nuove modifiche da apportare alla trasmissione. (Continua dopo la foto…)

da grande

Cosa succederà nella seconda puntata?

Alla luce dell’indiscrezione rilanciata da Candela su Twitter, cosa succederà adesso nella seconda puntata di “Da grande”? Al momento non sappiamo quale siano le decisioni prese dai vertici della Rai. Gli ascolti bassi, oltre che dal prodotto poco convincente, potrebbero essere causati anche dalla concorrenza. Il ritorno di Scherzi a parte su Canale 5 ha suscitato grande clamore. Gli ascolti del programma di Rai 1, dunque, potrebbero essere condizionati dal programma “concorrente” e se così fosse la rete pubblica potrebbe decidere di cambiare giorno di programmazione. Al momento, però, non ci sono state fornite notizie in merito.
Riguardo al format del programma, invece, è chiaro che esso potrebbe restare tale. Al contrario, Cattelan potrebbe fare a meno di qualche ospite per le prossime puntate del programma. Sembra esclusa – almeno per il momento – l’ipotesi della cancellazione del programma. Cattelan avrà un’altra possibilità per attirare il pubblico di Rai 1. Ci riuscirà?

Chi è Alessandro Cattelan, tutto sul conduttore Tv: dalla vita privata alla carriera