Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » “Dritto e rovescio”, colpaccio di Del Debbio: l’inaspettato ospite in studio dalla Russia

“Dritto e rovescio”, colpaccio di Del Debbio: l’inaspettato ospite in studio dalla Russia

Ogni giovedì sera su Rete 4 va in onda Dritto e rovescio, un periodico di approfondimento giornalistico dedicato principalmente a temi di attualità e politica e al loro impatto sulla vita della gente comune. Servizi ed ospiti in studio contribuiscono ad arricchire il programma condotto da Paolo Del Debbio, il quale ha stupito il pubblico della puntata del 31 Marzo 2022 di Dritto e Rovescio con un ospite in studio davvero inaspettato: Vladimir Soloviev, il conduttore russo vicino al Presidente Putin. Vediamo cos’è accaduto nel corso della serata. (Continua a leggere dopo la foto)

“Dritto e rovescio”, colpaccio di Del Debbio: l’inaspettato ospite in studio

Il conduttore di Dritto e rovescio, Paolo Del Debbio, ieri sera 31 Marzo 2022 ha stupito il suo pubblico portando in studio un ospite decisamene particolare, ovvero Vladimir Soloviev, il conduttore russo amico di Putin. Il noto giornalista ha esordito dicendo: «Sono 36 i giorni di guerra in Ucraina. Eppure in Russia si racconta altro. Noi oggi abbiamo in studio uno dei conduttori più famosi di tutta la Russia: Soloviev. La sua si dice che è una tv portavoce del pensiero del regime, ma lo si diceva anche in Italia di questa e di altre». A quel punto alle sue selle è apparso proprio il conduttore di Mosca in collegamento. Soloviev, vista la sua vicinanza a Vladimir Putin, è stato colpito qualche giorno fa dalle sanzioni. A lui la Guardia di Finanza ha sequestrato in provincia di Como immobili di lusso. Si tratta di due ville dal valore complessivo di circa 8 milioni di euro. Vediamo insieme cos’ha dichiarato l’amico di Putin. (Continua a leggere dopo la foto)

Vladimir Soloviev Dritto e rovescio

Le parole di Vladimir Soloviev

L’amico di Putin, il conduttore Tv Vladimir Soloviev, è sto ospite nella puntata di ieri di Dritto e rovescio. L’uomo rispondendo alle varie domande di Del Debbio sulla guerra in Ucraina ha dichiarato: «Le persone in Europa e in Italia non considerano un aspetto. Non è una campagna militare iniziata un mese fa, stiamo terminando una guerra cominciata nel 2014. In questi otto anni russi che vivevano nel Donbass sono stati giustiziati dall’esercito ucraino. L’attacco è stato perpetrato dall’esercito ucraino nel 2014 e hanno continuato a bombardare di frequenza. L’Ucraina è uno stato nazista, che vi piaccia o no». Poi sul fatto che la Russia attraverserà un periodo difficile ha aggiunto: «I russi non solo lo pensano, lo credono. L’80% della popolazione condivide questo sentimento. Nel motto dell’Ucraina vengono ripresi pezzi dei motti nazisti. Zelensky è ebreo e tutto questo sembra averlo dimenticato». Poi ha concluso dicendo: «Nessun intenzione di attacchi atomici all’Europa, se un ospite ha parlato di distruggere Varsavia in 30 secondi è stato un paradosso, l’avete interpretato male per una differenza culturale».

Paolo Del Debbio: età, ex moglie, figli, nuova fidanzata e quanto è dimagrito

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor