Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » “Fuori dal Coro”, Mario Giordano contro Zelensky: “C’è qualcuno che pensa alla pace?”

“Fuori dal Coro”, Mario Giordano contro Zelensky: “C’è qualcuno che pensa alla pace?”

Durante la scorsa puntata di Fuori dal Coro andata in onda su Rete 4 martedì 18 aprile, il conduttore Mario Giordano ha ripreso un tema che ha fatto discutere molto negli ultimi giorni. SI tratta di un episodio che ha dimostrato che né l’Ucraina né la Russia abbiano intenzione di arrivare ad una pace imminente. Ecco cosa è successo.

Fuori dal Coro Mario Giordano

“Fuori dal Coro”, Mario Giordano controVolodymyr Zelensky

Uno dei casi che più ha fatto discutere la scorsa settimana è quello della Via Crucis, in cui Papa Francesco ha voluto far sfilare fianco a fianco due donne, una ucraina e una russa, entrambe a reggere la croce. Il pontefice ha fatto una scelta estremamente simbolica: i due popoli possono vivere nella pace e molti sono già pronti a farlo. Il problema è che l’invocazione alla pace, però non è piaciuta affatto a Kiev.

“Un iniziativa ha fatto molto discutere, la Via Crucis – ha detto Mario Giordano, per introdurre la vicenda -. Il Papa ha detto facciamo portare la croce da una ragazza ucraina e una russa. La scelta è stata molto contestata. Addirittura le tv ucraine non hanno trasmesso questa scena, hanno detto che non si possono vedere un’ucraina e una russa insieme. Nemmeno alla Via Crucis. Nemmeno per una preghiera”. Poi la critica della decisione di Kiev. “Si può fare la pace? C’è qualcuno che pensa alla pace in questa situazione?”, chiede retorico Giordano.

Leggi anche: Gelo a “Le Iene”, tensione tra Belen Rodriguez e Soleil Sorge: l’indiscrezione

Una donna russa e una donna ucraina insieme: il simbolo della pace

Le due donne sono Irina, un’infermiera ucraina, ed Albina, una studentessa russa. “Insieme sorreggono una croce, interno il silenzio. Papa Francesco ha scelto loro per la 13esima stazione della Via Crucis, due donne amiche nella vita e oggi simbolo di due paesi in guerra”. Le due donne hanno detto qualche parola in mezzo alle lacrime: nessuna delle due vuole la guerra. Le ragazze si sono poi scambiate un abbraccio. “Eppure per il mondo politico e religioso di Kiev le sue mani non possono sorreggere la croce di Cristo accanto a una donna ucraina”, conclude il servizio di “Fuori dal Coro”.

 

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor