Home » Non è l’arena, Giletti attacca il no Green pass Liccione: “Siete da Tso”

Non è l’arena, Giletti attacca il no Green pass Liccione: “Siete da Tso”

Nella puntata di “Non è l’arena”, andata in onda ieri sera su La7, in studio era ospite il no Green pass Marco Liccione, presente in piazza a Roma sabato scorso durante le proteste. Il conduttore Massimo Giletti si è scagliato contro di lui, esclamando: “Tornate con i piedi per terra, c’è un limite. Per lei è normale assaltare Palazzo Chigi? Siete da Tso…“. Uno scontro veramente acceso che ha animato gli animi. (Continua dopo la foto…)

giletti liccione non è l'arena

Non è l’arena, Giletti contro il no Green pass Liccione

Ieri sera è andata in onda una nuova puntata di “Non è l’arena”, programma condotto da Massimo Giletti su La7. In studio ovviamente si è parlato di quanto successo sabato in piazza a Roma. I manifestanti no Green pass, coadiuvati dai capi di alcuni partiti politici, tra cui Forza Nuova, hanno occupato la sede della Cgil, arrivando addirittura allo scontro con la polizia. Un vero e proprio caos, culminato con dodici arresti, tra cui spiccano anche Fiore e Castellino, leader di Forza Nuova.

In studio da Giletti era presente Marco Liccione, esponente di “Variante Torinese, e presente anche lui in piazza sabato pomeriggio a Roma. Liccione ha dichiarato da Giletti: “Volevamo essere ascoltati dal governo, volevamo anche una semplice telefonata da loro. Qualcuno doveva ascoltarci”. Sono bastate veramente poche parole per far sbottare il conduttore del programma di La7. “Ma scusi, lei pensa che in quel momento Mario Draghi potesse chiamare lei o Castellino?” – chiede Giletti – “Ma com’è possibile? Tornate coi piedi per terra, c’è un limite!”.

Liccione si è poi giustificato dicendo che lui non era presente durante l’occupazione della Cgil, ma si trovava davanti a Palazzo Chigi. Anche qui, però, il conduttore ha sbottato: “Per lei è normale assaltare Palazzo Chigi? Ma siete da TSO, lo capite?”. Liccione si è difeso dicendo che gli scontri sono stati aizzati dalla polizia: “una camionetta impazzita contro trenta manifestanti, come birilli. Io e Castellino siamo dovuti intervenire aprendo la porta e togliendo le chiavi al poliziotto alla guida”. A quel punto, Giletti ha alzato i toni: “Ma mi prende per il c***o?”, mostrando altri filmati di camionette attaccate. (Continua dopo la foto…)

Liccione abbandona lo studio

Il dialogo tra Giletti e Liccione nella scorsa puntata di “Non è l’arena” è stato quasi impossibile. Dopo lo scontro verbale abbastanza acceso tra i due, l’esponente di “Variante Torinese” ha deciso di lasciare il collegamento. Giletti ha poi salutato così il suo ospite: “Bene, vada in un’altra manifestazione. Se lei reagisce così…”.

Fabrizio Corona, confessione choc: le parole a “Non è l’Arena”