Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Lino Guanciale, dietro le quinte di “Sopravvissuti”: la rivelazione dell’attore

Lino Guanciale, dietro le quinte di “Sopravvissuti”: la rivelazione dell’attore

Lino Guanciale, nel corso di un’intervista rilasciata a TV Sorrisi e Canzoni, ha fatto delle confessioni su Sopravvissuti. Questa è la nuova serie a cui sta lavorando nel ruolo di protagonista. Lui stesso ha svelato alcuni retroscena sulla fiction e ha fatto anche delle rivelazioni molto personali riguardo alla vita da “sopravvissuto”, sul set e fuori dal set.

Lino Guanciale Sopravvissuti

Lino Guanciale, cosa ha imparato per girare “Sopravvissuti”

In una recente intervista, Lino Guanciale ha svelato alcuni retroscena sul suo lavoro di attore. Per esempio ha raccontato che durante le riprese de Il Commissario Ricciardi, a cui sta lavorando in questo periodo, doveva registrare delle scene con abiti del passato, pesanti e ingombranti. Con le temperature che ci sono in questo periodo non deve essere stato facile. Guanciale ha ammesso che li lanciava via alla fine di ogni turno. Indossava cappotto e brillantina, che “ha bisogno di almeno di 3 lavaggi per essere mandata via”, ha ammesso l’attore.

Dopo poco, poi, l’attore è passato a parlare di Sopravvissuti, in onda dal 3 ottobre. Lino avrà il ruolo di protagonista e vestirà i panni di un perfetto marinaio. Grazie alla fiction sta imparando tantissime cose che riguardano la barca a vela. Ha imparato a fare i nodi da marinaio, a pettinare le cime, a camminare su di un’imbarcazione senza perdere l’equilibrio. Tutte cose che non sapeva fare prima.

Leggi anche: “Nuovo Cinema Paradiso” diventa una serie tv: tutti i dettagli

Lino Guanciale, la confessione privata dell’attore

Girando “Sopravvissuti”, Guanciale ha spiegato di sentirsi un uomo nuovo. Nel corso dell’intervista, Lino ha svelato il suo segreto. “In questo momento della mia vita, per la prima volta, non ho bisogno di certe scaramanzie per lavorare. Queste fissazioni stanno lasciando il posto a un modo di lavorare più maturo”. Poi ha confessato di essersi sentito un sopravvissuto anche lui, dopo il lockdown nel 2020. “Quando nel giugno 2020 siamo tornati a girare “L’Allieva” e poi “Ricciardi”, ho pensato che stavamo cercando di sopravvivere in qualche modo e mi sono sentito molto fortunato”.

 

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004