Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di

“Che tempo che fa”, Alberto Angela ricorda il padre Piero e si commuove (VIDEO)

Ospite della puntata di ieri, domenica 4 dicembre 2022, di “Che tempo che fa” il grande Alberto Angela. Il divulgatore scientifico, invitato da Fabio Fazio per presentare il suo nuovo libro sulla storia di Nerone, ha ricordato nel corso dell’intervista il padre Piero scomparso lo scorso 13 agosto all’età di 93 anni. Il volto noto della Rai non è riuscito a trattenere la commozione: “È la prima volta che ne parlo. È stato un grande insegnamento durante tutta la vita”. Un momento molto toccante, intenso.

leggi anche: “Prepararsi al futuro” di Piero Angela è assolutamente da vedere

leggi anche: Alberto Angela, news e curiosità sul noto conduttore Tv

Alberto Angela ricorda il padre

“Che tempo che fa”, Alberto Angela ricorda il padre Piero e si commuove (VIDEO)

Nel salotto di “Che tempo che fa” Alberto Angela, dopo il commovente discorso fatto al funerale del padre Piero, è tornato a ricordare l’amato genitore venuto a marcare a fine estate. Il divulgatore scientifico ha condiviso la gratitudine per aver avuto un padre del genere: “Quello che ha dato a me in particolare e a tutti quanti lo sappiamo. Io ho avuto la fortuna di averlo accanto, di avere una persona che ti insegnava anche senza parlare, con il comportamento”. Vedendo poi una foto di loro due alla Nasa apparsa sul Led, Alberto Angela ha commentato: “Questa è un’immagine a cui sono molto legato Ho proprio insistito affinché lui venisse in questa puntata di Ulisse che ricordava lo sbarco sulla Luna. Lui è arrivato negli stessi luoghi e tutti eravamo commossi, sapevamo che era un momento unico e irripetibile”. (continua a leggere dopo le foto)

leggi anche: Alberto Angela parla del suo incidente in mongolfiera: “Ho rischiato di morire”

leggi anche: Piero Angela, la verità sulle sue condizioni di salute viene fuori solo ora

Alberto Angela ricorda il padre

Gli ultimi giorni di vita di Piero Angela

Durante la chiacchierata Alberto Angela ha ripercorso gli ultimi giorni del padre: “Nell’ultima parte della sua vita mio padre non aveva voluto che si sapesse che stava male, ma gli dispiaceva che chi lo seguiva non sapesse. Diceva: ‘Vorrei dire che me ne sto andando ma che vi abbraccio tutti’. Allora lo ha fatto in vari modi, persone che sapevano come stavano andando le cose eravamo 5 o 6 in famiglia, non di più, ma neanche tutti i familiari, i collaboratori eccetera non lo sapevano”. (continua a leggere dopo le foto)

Alberto Angela ricorda il padre

“Che tempo che fa”, Alberto Angela ricorda il padre: “Ho visto un coraggio incredibile negli ultimi tempi”

“Ho visto un coraggio incredibile negli ultimi tempi. Ha finito un libro, ha fatto ‘Super Quark’, si è preparato per il futuro con un libro per i giovani. Lui sosteneva che dobbiamo investire di più sui ragazzi. Quello è stato un lascito come di un capitano che dice ‘non ci sarò, ma la rotta secondo me è questa’. Poi alla fine ha fatto anche un disco. Suonava il pianoforte il jazz da sempre. Lui si è messo, è venuto in Rai, aveva difficoltà a muoversi, ha inciso tre brani”, ha svelato Alberto Angela. “Il 22 dicembre sarà lui a fare un regalo agli altri, ci sarà un podcast e vedrete una dozzina di suoi pezzi, 3 nuovi che ha fatto un mese prima di morire e altri presi dalla sua carriera. Il più vecchio è del 53. Vedrete un pianista, che è anche un giornalista, mio padre”, le parole del divulgatore scientifico con la voce tremante. Alberto e il padre Piero avevano un rapporto meraviglioso: le sue parole alla Sala Della Protomoteca in Campidoglio, dove è stata allestita la camera ardente del giornalista, hanno toccato il cuore di tutti. “Lui ci ha insegnato tante cose, l’ultimo insegnamento me lo ha fatto non con le parole, ma con l’esempio. Negli ultimi giorni mi ha insegnato a non avere paura della morte. L’ha affrontata con serenità, non l’ho mai visto nello sconforto e nella paura”, ha detto commentando gli ultimi giorni di Piero Angela. “Lui continuerà a vivere attraverso quello che ha fatto, ma in tutti quei ragazzi che cercano l’eccellenza, in tutti i ricercatori che cercano l’obbiettivo, in tutte le persone che cercano la curiosità e la bellezza della natura. Penso che le persone che amiamo non dovrebbero mai lasciarci. Però capita…”, ha concluso il divulgatore scientifico con tenerezza.

powered by Romiltec

©Caffeina Media s.r.l. 2024 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure