Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Eurovision Song Contest, il tweet della giornalista pro-Putin: “Missile su Torino”

Eurovision Song Contest, il tweet della giornalista pro-Putin: “Missile su Torino”

Durante la sessantaseiesima edizione dell’Eurovision Song Contest, tenutosi a Torino dal 1 al 14 maggio 2022, una giornalista russa pro-Putin ha pubblicato un post su Twitter che ha fatto rabbrividire. La donna, infatti, ha chiesto l’invio di un missile su Torino. Le sue affermazioni hanno lasciato tutti a bocca aperta e sono assolutamente da condannare. (Continua dopo la foto…)

L’Ucraina vince l’Eurovision Song Contest 2022

La sessantaseiesima edizione dell’Eurovision Song Contest ha visto trionfare l’Ucraina con il brano “Stefania” della Kalush Orchestra. L’Ucraina ha prevalso sul Regno Unito, rappresentato da Sam Ryder con “Space Man”, e sulla Spagna, rappresentata da Chanel con “SioMo”. La nazione avrà così l’opportunità di ospitare la prossima edizione della manifestazione canora e si spera che nel paese non ci sia più la guerra. Con la vittoria dell’Ucraina, l’Europa intera manda un messaggio di pace al mondo. (Continua dopo la foto…)

Eurovision Song Contest 2022, squalificato un cantante: ecco il motivo

“Eurovision 2022”, Damiano dei Maneskin lancia una frecciatina ai francesi: pubblico senza parole

Il tweet della giornalista russa pro-Putin durante l’Eurovision

Durante la finale dell’Eurovision Song Contest 2022, la giornalista russa filo-Putin Yulia Vityazeva si è resa protagonista di un gesto deplorevole. La donna ha scritto su Twitter: “Ci vorrebbe un missile su Torino”. La sua affermazione ha fatto venire i brividi ed è stata ovviamente condannata dal mondo del web. Yulia Vityazeva è la conduttrice di un talk-show trasmesso su Russia 1 ed è stata anche ospite nella trasmissione tv “Dritto e Rovescio” di Paolo Del Debbio su Rete 4.

La giornalista, però, non è stata l’unica a spendere parole d’odio durante la finale della competizione canora internazionale. Sul sito web del quotidiano “AiF”, a firma dell’editorialista Vladimir Polupanov, si legge che “la competizione ha un cattivo odore di palude in decomposizione” e che “quasi nessuno dei vincitori ad eccezione degli Abba è diventato grande star”. Lo spettacolo è stato poi etichettato come “noiosa televisione politicizzata”.

Ricordiamo che la Russia è stata esclusa dalla manifestazione canora in seguito all’invasione dell’Ucraina. Quest’anno, tra l’altro, è stata proprio l’Ucraina a trionfare con il brano “Stefania” della Kalush Orchestra. Un nuovo colpo basso per la Russia e per il suo presidente Vladimir Putin. L’Europa dimostra di volere la pace e di condannare la guerra.

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004


Hai scelto di non accettare i cookie

Tuttavia, la pubblicità mirata è un modo per sostenere il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirvi ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, sarai in grado di accedere ai contenuti e alle funzioni gratuite offerte dal nostro sito.

oppure