Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Caso David Rossi, spuntano nuove intercettazioni: “È stato ucciso”

Caso David Rossi, spuntano nuove intercettazioni: “È stato ucciso”

David Rossi, nato a Siena il 2 giugno 1961, era il capo della Comunicazione della banca Monte dei Paschi di Siena. Lavorava in vicolo Monte Pio, a Rocca Salimbeni. L’uomo morì precipitando dalla finestra del suo ufficio il 6 marzo 2013, morendo 22 minuti dopo in strada. I pm hanno chiuso ben due indagini con la conclusione che si fosse trattato di un suicidio. Ma sulla vicenda non si è mai fatta del tutto chiarezza. Ora spuntano fuori delle intercettazioni che parlerebbero di omicidio.

Nuovi indizi sulla morte di David Rossi

Precedentemente erano già state svolte altre due indagini, che erano arrivate alla conclusione che si trattasse di un suicidio, ma molti elementi non sono mai stati chiariti. Arriva un’ulteriore prova sul caso in questione. Il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri, durante l’audizione della commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte del manager Mps, ha detto che venne intercettata nel 2018 una telefonata. Nella conversazione tra Giancarlo Pittelli, ex parlamentare di Forza Italia e l’avvocato Guido Contestabile (ora suo difensore nel processo Rinascita Scott), i due hanno confessato un dettaglio particolare.

Nella telefonata, i due parlavano della morte di David Rossi. Le parole di Pittelli mettono i brividi. “E se riaprono l’indagine sulla morte di Rossi succederà un casino grosso. Se si sa chi lo ha ammazzato!”.

Leggi anche: “Domenica In Show”, Mara Venier commossa per la sorpresa di Maria De Filippi

“David Rossi è stato ammazzato”

“Ma perché, secondo te è morto per overdose di sostanze stupefacenti?”, gli domanda Costabile. “Non si è suicidato! Non si è suicidato! Rossi non si è suicidato! Rossi è stato ucciso!”. E quando Contestabile gli chiede “ma stai scherzando?”, Pittelli risponde parlando di Rossi “e se riaprono l’indagine sulla morte di Rossi succederà un casino grosso…”. Subito dopo la rivelazione, la commissione è stata secretata. L’intercettazione è emersa durante altre indagini condotte dalla Procura. Successivamente, il 2 luglio 2018, “Pittelli intratteneva una conversazione con l’avvocato Mussari, soffermandosi, in tal caso, sulla vicenda Mps”, ha dichiarato Gratteri.

 

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor

powered by Rossotech

@Caffeina Media s.r.l. 2022 | Registrazione al Tribunale di Roma n. 45/2018 | P. IVA: 13524951004