Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Mario Draghi pronto per l’addio al governo, la data delle dimissioni

Mario Draghi pronto per l’addio al governo, la data delle dimissioni

Il Premier Mario Draghi rassegnerà le dimissioni. Dopo giorni di rumor apparentemente inconsistenti, la notizia ha trovato conferma oggi, secondo l’indiscrezione lanciata da Affari italiani. Oltre alla conferma arriva anche una data nella quale Mario Draghi sarà pronto ad abbandonare il governo.

Quando presenterà le dimissioni Mario Draghi

Il rumor giunge dal ministero dell’Economia ed è arrivato all’orecchio dei principali leader della politica italiana. Alcuni partiti avrebbero confermato la notizia: Mario Draghi è pronto a lasciare il suo incarico da presidente del Consiglio. Sembra che il motivo sia uno in particolare: non ne vorrebbe più sapere di fare da paciere tra un partito e l’altra e mantenere una maggioranza sempre in bilico.

C’è già una data nella quale Mario Draghi vorrebbe alzare i tacchi e passare tutte le patate bollenti ai suoi colleghi. Il piano dell’ex banchiere sarebbe quello di anticipare la Legge di Bilancio per il 2023 a luglio, presentando poi le dimissioni nei primi giorni di agosto.

Leggi anche: Buoni benzina, attenzione a questo messaggio: ti svuota il conto

 

Il futuro del Governo italiano dopo Mario Draghi

Draghi farà la sua uscita subito dopo il secondo turno delle elezioni amministrative e persegue l’obiettivo che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella sciolga le Camere a Ferragosto. La conseguenza delle dimissioni del presidente del Consiglio sono, per forza di cose, le elezioni. Queste ci saranno verosimilmente in autunno, con la deadline fissata per la fine di ottobre. Dall’interno della maggioranza fanno sapere che gli obiettivi del Pnrr verrebbero spostati in avanti come altre cose che sulle quali il governo italiano avrebbe dovuto focalizzarsi da mesi o da anni. Stiamo parlando della riforma pensioni. Ovviamente, con delle dimissioni così imminenti e già previste, non ci sarà il tempo di cambiare la legge elettorale e si andrà alle urne con l’attuale Rosatellum.

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor