Vai al contenuto
Questo sito contribuisce alla audience di
Home » Stefano Tacconi, la pessima notizia dall’ospedale: l’annuncio è appena arrivato

Stefano Tacconi, la pessima notizia dall’ospedale: l’annuncio è appena arrivato

Arriva una pessima notizia dall’ospedale sull’ex calciatore Stefano Tacconi, colpito nei giorni scorsi da un’ischemia celebrale. Il mondo dello sport è in apprensione per il suo stato di salute. Molti sono in attesa di ricevere notizie in merito alle sue condizioni. L’annuncio tanto atteso è appena arrivato, ma non si tratta assolutamente di una buona notizia. (Continua dopo la foto…)

Stefano Tacconi colpito da un’ischemia celebrale

Sabato 23 aprile 2022 l’ex portiere Stefano Tacconi è stato colto da un’ischemia celebrale. L’ex calciatore è stato immediatamente trasportato in ospedale ed in seguit ricoverato nel reparto di neurochirurgia in terapia intensiva. Il figlio Andrea dopo qualche giorno ha dichiarato: “In questo momento è stabile, ma in coma farmacologico. Ha fatto una TAC lunedì pomeriggio e non ci sono particolari problemi. L’emorragia di sabato è stata fermata, ora dobbiamo attendere la ripresa. Ci sono i primi segnali che sono incoraggianti, papà muove un po’ gli occhi e gli arti, ma serve tempo”.  Il direttore della struttura di neurochirurgia dell’ospedale di Alessandria, invece, ha aggiunto: “Le condizioni di salute di Stefano Tacconi sono ancora importanti ma stazionarie e la stazionarietà in questo caso è un evento favorevole. Sarà possibile avere una più precisa idea sugli esiti solo nei prossimi giorni”. (Continua dopo la foto…)

La malattia di Stefano Tacconi: cos’è l’ischemia e come si cura. Ecco i primi sintomi che si presentano

Brutta notizia su Stefano Tacconi

Molti sono in ansia per lo stato di salute di Stefano Tacconi, ex portiere della Juventus e della nazionale italiana colpito da un’ischemia celebrale sabato 23 aprile. Le sue condizioni sono stabili. Nelle ultime ore non è stato registrato né un miglioramento né un peggioramento. Il direttore della struttura di neurochirurgia dell’ospedale di Alessandria, Andrea Barbanera, ha dichiarato: “Come conseguenza di quanto accaduto a Stefano e come previsto dal normale andamento di questa patologia, il paziente sta attraversando il periodo più critico. La nostra equipe sta portando avanti il trattamento farmacologico per contrastare il vasospasmo cerebrale, ma la sua condizione clinica è altalenante. Si tratta infatti della fase più complicata che può evolvere rapidamente sia in senso positivo sia negativo purtroppo. Stefano sta continuando a lottare: i prossimi giorni saranno determinanti”.

Vuoi rimanere informato su tutte le notizie in tempo reale? Segui il canale Telegram 👉 t.me/ultimaor